Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Corso Bergamo

Corso Bergamo, il Codacons scrive a Brivio: «Servono dissuasori e protezioni»

Richiesta dell'associazione dei consumatori dopo l'ultimo incidente stradale nella zona. «I residenti sono esasperati, urgono barriere più massicce rispetto ai cavallotti»

Il Codacons scrive al sindaco di Lecco chiedendo l'installazione di rilevatori e dissuasori di velocità, e barriere di protezione. La richiesta dell'associazione di consumatori è giunta dopo l'ennesimo incidente in Corso Bergamo, qualche giorno fa, con un'automobile che è uscita di strada andando a sbattere contro due cavallotti in ferro, terminando la propria corsa contro il muro di una casa. Nel sinistro il 32enne alla guida è rimasto seriamente ferito, attoniti e spaventati gli avventori del bar vicino.

Schianto a Valmadrera, auto si ribalta all'incrocio

«I residenti sono esasperati da tale condizione e più volte si sono lamentati proponendo possibili soluzione a questa situazione insostenibile. Infatti non è la prima volta che succede un incidente simile, con le auto che escono di strada finendo per invadere la zona pedonale - scrive il Codacons in una nota - Sono necessarie quindi urgenti soluzioni operative installando dei dissuasori sulla carreggiata poco prima della curva oppure installare barriere più massicce rispetto ai cavallotti che, come è stato dimostrato, non garantiscono grande protezione».

L'associazione dei consumatori cita anche il rapporto Istat sugli incidenti stradali, che nel 2017 è tornato a evidenziare l'incremento del tasso di mortalità (+2,9%) dopo la flessione degli anni precedenti. «Date le numerose battaglie svolte nel corso del tempo in tema di abbassamento dei limiti di velocità, il Codacons chiede al sindaco di Lecco di installare rilevatori e dissuasori sulla carreggiata poco prima della curva oltre che installare barriere più massicce rispetto ai cavallotti». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Bergamo, il Codacons scrive a Brivio: «Servono dissuasori e protezioni»

LeccoToday è in caricamento