menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dote scuola, iniziata la distribuzione dei buoni

Si concluderà entro il 2 ottobre, i ritardi a causa delle proroghe alla scadenza del bando

È iniziata nei giorni scorsi e dovrebbe terminare venerdì 2 ottobre, in provincia di Lecco, la distribuzione dei buoni Dote Scuola, il contributo messo a disposizione dalla Regione Lombardia per l'acquisto dei libri di testo e strumenti tecnologici.

Ad annunciarlo l'Assessore regionale all'istruzione Valentina Aprea, che spiega anche le ragioni del ritardo nella consegna dei buoni rispetto alle solite tempistiche: «È dovuto alla proroga del termine per la presentazione delle domande,  insistentemente chiesta dalle stesse famiglie a causa delle difficolta' riscontrate nel rilascio della certificazione Isee, in seguito alla nuova normativa che e' stata introdotta in materia». 

«Una proroga molto utile - ha aggiunto Aprea - in quanto ha permesso a 37mila studenti in piu' di beneficiare del voucher, il 40% delle oltre 92mila domande complessive pervenute in Regione».

«Gli uffici regionali - spiega l'Assessore - hanno concluso una pesante fase istruttoria in soli trenta giorni, quando, negli anni precedenti, ce ne volevano una novantina, oltretutto la verifica e' stata effettuata nel periodo che coincide con le ferie estive». non solo: gli uffici hanno dovuto spesso fronteggiare la presenza di inesattezze sui moduli, a partire da dati essenziali come il codice fiscale. Per questo è stato necessario aggiungere manualmente correzioni, o integrazioni alle domande.

La distribuzione dei voucher sul territorio regionale è partita all'inizio di settembre, e la loro validità è stata prolungata fino al 30 settembre 2016, «per consentire alle famiglie - afferma l'assessore - di utilizzare eventuali buoni residui sino all'inizio del prossimo anno scolastico».

Oltre ai libri di testo, con i buoni Dote scuola  possono essere acquistati anche dizionari, libri di letteratura consigliati dalle scuole e strumenti tecnologici di vari tipo come PC, tablet, ebook, software, calcolatrici, strumenti per il disegno tecnico e artistico. Restano esclusi i soli prodotti di consumo (penne, matite, diari, quaderni, cartelle).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Ferrate lecchesi: convenzione firmata, a maggio l'inizio dei lavori

  • Attualità

    Firma messa: cinque strade provinciali diventano di Anas

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento