menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'eclissi del marzo 2015

L'eclissi del marzo 2015

Eclissi totale di luna: tra martedì e mercoledì notte l'evento

L'avvenimento sarà l'unico che avverrà nel 2016

State pronti con occhi, televisioni e altri dispositivi: nella notte tra martedì 8 e mercoledì 9 marzo si verificherà l'eclissi di luna, l'unica di quest'anno. Lo spettacolo, visibile solo dall'Oceano Pacifico, entrerà nel vivo poco prima delle 3, quando il disco solare verrà oscurato completamente per 4 minuti dal transito della 'super luna nera.

''Sarà l'unica eclissi totale del 2016'', spiega l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope. ''Si verificherà con la complicità della prima 'super luna' dell'anno, una luna nuova che si troverà vicina al punto di minima distanza dalla Terra: per questo il suo disco apparirà più grande e agevolerà l'eclissi, oscurando meglio il Sole''. 

Lo spettacolo culminerà alle 2:58 (ora italiana); l'eclissi sarà invece parziale per gli osservatori che la guarderanno dal nord dell'Australia, dall'Asia orientale e dall'Alaska. La Nasa offrirà una diretta sul web a partire dalle 2 di notte, mentre i suoi ricercatori saranno in Indonesia per vincere una sfida contro il tempo: riuscire a studiare la parte più interna dell'atmosfera solare (corona) scattando immagini a raffica in 3 minuti di buio. Un'occasione imperdibile, visto che la prossima eclissi totale sarà il 21 agosto 2017. 

Chi non ha in tasca un biglietto aereo per l'Indonesia, potrà consolarsi anche in Italia con la caccia alle 'palle di fuoco', come quella che ha solcato i cieli della Scozia pochi giorni fa: nelle ultime settimane gli avvistamenti si sono moltiplicati. ''I bolidi sono dei mini asteroidi, grandi pochi metri, che entrano nell'atmosfera terrestre e bruciano, generando una colorata scia luminosa'', spiega Ettore Perozzi, del Centro di coordinamento sui Neo (Near Earth Objects) dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa). ''Sono un evento piuttosto frequente e in genere non pericoloso. E' raro che siano così grossi da non disintegrarsi del tutto in atmosfera finendo al suolo come meteoriti: se ne conoscono solo 15 nel mondo che hanno sfondato tetti di case''.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento