Scarica di sassi nel canale Comera: colpito un escursionista. Nel pomeriggio intervento sul San Martino

L'intervento intorno alle 9.30: le condizioni della persona coinvolta non sarebbero gravi. Nel pomeriggio un secondo intervento in montagna

Intervento dell'elisccorso nella mattinata di sabato 18 luglio. Intorno alle ore 9.30 il mezzo aereo è stato inviato nella zona del canale Comera per recuperare un escursionista colpito da una scarica di sassi piovutagli addosso mentre stava risalendo l'impegnativa via. La persona ha rimediato il trauma arto, apparentemente non grave, ma non si hanno ancora informazioni sull'identità della malcapitata persona.

In vetta il Soccorso Alpino

Sul posto sono state inviate le squadre del Soccorso Alpino di stanza presso il centro sportivo "Al Bione" di Lecco, che hanno proceduto al recupero dell'infortunato, poi trasferito via terra presso il Pronto Soccorso dell'ospedale "Manzoni" di Lecco in codice verde.

Nel pomeriggio un altro intervento

Intorno alle 15.20 i tecnici del Soccorso Alpino e l'elisoccorso sono tornati in volo sul Lecchese per compiere un secondo intervento. Un escursionista di settantatrè anni ha accusato un malore mentre si trovava nella zona del Crocione che svetta sul Monte San Martino, a 1090 metri di quota: tecnici della Stazione di Lecco e mezzo aereo decollato dalla base di Caiolo (Sondrio) si sono portati sul posto, recuperando il malcapitato e trasferendolo, in codice giallo, presso l'ospedale "Manzoni" di via dell'Eremo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • L'amore trionfa sul virus: si sposa dopo essere stato intubato e aver sconfitto il Covid

  • Ruba un'ambulanza per tornare a casa dal Pronto soccorso

  • Coronavirus, i dati dell'Asst: sono oltre 340 i pazienti ricoverati tra Lecco e Merate

Torna su
LeccoToday è in caricamento