menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprudenze in montagna, via libera al ticket sul soccorso alpino

Chi richiede un intervento innecessario pagherà fino al 50% del costo del servizio

E’ stata approvata venerdì 8 maggio, dal Consiglio dei Ministri la legge che introduce il pagamento del soccorso alpino nei casi di non necessità, imprudenza o negligenza da parte di chi viene soccorso. Il cittadino dovrà così contribuire alle spese dell'intervento nei casi in cui non vi siano ricoveri o accertamenti sanitari, con “partecipazione aggravata” in caso di comportamento imprudente.

La norma contenuta nel progetto di legge “Disposizioni in materia di soccorso alpino e speleologico in zone impervie” era del resto già stata approvata dalla commissione Sanità Lombardia, successivamente varata dal Consiglio regionale lombardo, ed era in attesa del via libera ufficiale da palazzo Chigi.

La valutazione dei casi sarà ora a carico dell'Areu regionale e il tariffario verrà stabilito entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge. Il richiedente non potrà pagare più del 50% del costo effettivo del servizio mentre per i residenti in Lombardia è prevista una riduzione del 30% sul costo a carico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento