menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ENPA, l'adozione consapevole come prevenzione all'abbandono

L’adozione consapevole è la migliore forma di prevenzione all’abbandono: Enpa nelle scuole lecchesi per educare gli alunni alla cura del proprio animale

Un’adozione consapevole è la migliore forma di prevenzione all’abbandono, questo è quanto emerge dall’Ente Nazionale Protezione Animali Onlus.

“Abbiamo investito tempo ed energie in questi anni per cercare di capire come arginare questo vergognoso fenomeno – dichiara Marco Bravi responsabile Comunicazione e Sviluppo Iniziative Enpa- e ci è apparso subito chiaro come la consapevolezza resti uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione. Molto spesso, infatti, gli animali vengono abbandonati dalle famiglie adottive direttamente davanti ai cancelli dei rifugi, poiché considerati un peso troppo gravoso e un dispendio di tempo e cure inaspettato. Da qui il nostro desiderio di creare dei nuovi percorsi formativi da veicolare attraverso le scuole, le sezioni Enpa locali e gli operatori di zooantropologia didattica della Siua, in modo da sensibilizzare e formare gli “uomini del domani” trasformandoli in adulti attenti e responsabili”.

A Lecco hanno da subito aderito le Scuole Primarie G.Carducci e S.Stefano, dove nelle prossime settimane due volontarie dell’ente animalista incontreranno gli studenti, ai quali consegneranno l’opuscolo “Io e il mio amico cucciolotto”, redatto con la collaborazione del professor Roberto Marchesini, direttore della Scuola Interazione Uomo Animale, ospite a Lecco nel recente incontro di approfondimento sul parco canile.

“Scegliere di adottare un cane – cucciolo o adulto - dichiara il professor Marchesini - è sicuramente una delle esperienze più belle che la vita ci possa regalare. A entrare nella nostra casa è un compagno di avventure e scorribande il cui desiderio più grande è poter stare sempre al nostro fianco. Questo ovviamente non sempre sarà possibile, ma se iniziamo con il nuovo arrivato un percorso educativo fatto di conoscenza reciproca potremmo sicuramente esplorare tantissimi posti – dalla “foresta urbana” al sentiero di campagna - con il nostro amico a quattro zampe, sicuri che lui saprà comportarsi sempre nel migliore dei modi, tenendo presente che un cane è un membro di un’ altra specie e, come tale, legge il mondo con occhi diversi dai nostri!”.

L’educazione e la formazione che passa attraverso un prodotto ludico, è questa la vera innovazione e la forza del percorso educativo “Io e il mio amico cucciolotto”. I bambini, infatti, imparano nozioni “per la vita” quando queste passano attraverso le emozioni. Per questo è stata scelta come partner la Pizzardi Editore, il punto di riferimento del settore che ogni anno pubblica l’album di figurine dell’ENPA, “Amici Cucciolotti”, la collezione più amata dai bambini e più sensibile a queste tematiche.

“Io e il mio amico cucciolotto” è un libretto educativo che , in maniera accattivante e accurata, tra gioco e riflessione, fa conoscere tutti gli aspetti fondamentali del prendersi cura di un amico con la coda, dall’accoglienza alle cure veterinarie. Oltre 50 mila di questi libretti educativi saranno distribuiti nelle scuole italiane in modo gratuito grazie al sostegno della Pizzardi Editore.

Le scuole lecchesi interessate possono contattare ENPA mail: lecco@enpa.org per organizzare l' iniziativa e avere il materiale gratuito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

I 10 luoghi simbolo di Lecco più amati dai visitatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento