menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ENPA Lecco: l'abbattimento incondizionato delle nutrie è sbagliato

Ancora una volta le nutrie tornano nell'occhio del ciclone, additate come le cause del dissesto idrogeologico e degli ingenti danni all'agricoltura e la Regione.

Ancora una volta le nutrie tornano nell’occhio del ciclone, additate come le cause del dissesto idrogeologico e degli ingenti danni all’agricoltura e la Regione, ancora una volta, adotta il provvedimento che l'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) giudica sbagliato nella gestione del problema: abbattimento con ogni metodo, in ogni luogo ed in ogni tempo.

Sul tema i rappresentati lecchesi dell'ente commentano: "Una possibilità che avrebbe attirato l’attenzione anche degli amministratori dei Comuni lecchesi tanto che il sindaco di Brivio, Ugo Panzeri, nei giorni scorsi ha riferito alla stampa di valutarne l’applicazione.  Le nutrie, al pari di moltissimi animali alloctoni (dal gambero della Louisiana al parrocchetto dal collare), sono state immesse nell’ambiente italiano a seguito di fughe e rilasci dagli allevamenti di animali da pelliccia, in cui si produceva la pelliccia di “castorino” e si sono riprodotte colonizzando il territorio di mezz’Europa. In Italia il fenomeno non è stato affrontato quando gli esemplari erano pochi e si vorrebbe risolvere il problema ora, con un’immotivata strage che sarà foriera solo di maltrattamenti agli animali, senza una risoluzione del problema".

"Nel nostro paese - prosegue l'Associazione - l’unico successo delle campagne di eradicazione compiuto su animali superiori risulterebbe essere soltanto quello ottenuto sul ratto nero sull’Isola di Montecristo, mentre tutte le altre attività di contenimento di animali autoctoni ed alloctoni si sono rivelati non solo inutili, ma hanno in alcuni casi prodotto un aumento della popolazione selvatica, come peraltro dimostra ampiamente il fallimento dei piani di contenimento delle cornacchie, una strage che è servita solo ad uccidere piccoli di rapaci notturni che usavano i nidi abbandonati dalle cornacchie grigie, specie in aumento".

L'ente non si ferma alle semplici proteste, ma vuole intervenire contro il provvedimento: "ENPA lombardo valuterà se ricorrere contro questa  legge che non privilegia i metodi ecologici, aprendo la mattanza con tutte le armi possibili, comprese balestre, archi, pistole e addirittura con le carabine ad aria compressa, strumento quest’ultimo certamente inidoneo a provocare una morte indolore e rapida per l’animale. In questo modo si darà il via libera a un ingente speco di risorse pubbliche che non potranno portare alla risoluzione del problema, come è stato ampiamente dimostrato in altri paesi europei. Peraltro l’abbattimento delle nutrie non rappresenta una novità in quanto già negli anni scorsi era stato attuato con piani di eradicazione miseramente falliti. I soldi che saranno impiegati in questi piani di abbattimento, inutili e crudeli, avrebbero potuto essere usati per la tutela delle arginature fluviali e dei canali, limitando l’impatto della nutria sulle colture agricole. Per questo interverremo, anche attraverso le proprie Guardie Zoofile, per segnalare all’Autorità Giudiziaria tutti i casi di maltrattamento che dovessero essere accertati durante le attività di contenimento previste dalla legge regionale. La nutria, pur non essendo più tutelabile attraverso la legge sulla protezione della fauna omeoterma (animali in grado di mantenere costante la propria temperatura - legge 157/92) resta sempre tutelata dall’articolo 544 bis e ter del Codice Penale che sanziona il maltrattamento degli animali".

L'ENPA vuole, quindi, coinvolgere tutti i comuni d'Italia: "Nei giorni scorsi abbiamo scritto al presidente dell’Anci, Piero Fassino,  ricordando che il tema della gestione delle varietà selvatiche ritenute problematiche è trattata all’art.19 della legge 157/97, identifica regioni e province  - e mai i comuni – come responsabili dell’attuazione delle misure e delle procedure da attuare per limitare i presunti danni.È necessario accertare la sussistenza di una situazione di effettivo pericolo di danno grave ed imminente per la incolumità pubblica, non fronteggiabile con gli ordinari strumenti di amministrazione attiva, a seguito di approfondita istruttoria con adeguata motivazione circa il carattere indispensabile degli interventi immediati ed indilazionabili: l’accertamento, cioè, deve fondarsi su prove concrete e non su mere presunzioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento