menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ENPA Lecco: "diciamo no agli agnelli condannati a morte"

Nel lecchese, l'Enpa ha cercato negli anni di salvare alcuni agnelli dalla strage di Pasqua e di Natale.

Lo ha fatto  acquistandoli direttamente dai contadini dopo segnalazioni da parte dei cittadini, per donare loro una nuova vita in oasi animali che li hanno accolti. 

"E' però una lotta impari se non avverrà un cambiamento culturale - sottolineano i responsabili di ENPA Lecco - ed è per questo che ci rivolgiamo alle coscienze di tutti perchè questo barbaro e crudele tributo di sangue cessi una volte per tutte. E ringraziamo tutti gli uomini di buona volontà che, con il loro no, contribuiranno a salvare la vita di centinaia di migliaia di cuccioli innocenti."

L'Enpa alla vigilia delle festività pasquali, sottolinea che in questa occasione saranno uccisi, in nome di una assurda e anacronistica tradizione, oltre 700mila tra agnelli, capretti e caprettoni, strappati anzitempo alle loro madri e macellati per imbandire le tavole della festa. Paradossalmente, per i cuccioli di pecora meglio sarebbe stato non nascere affatto e non conoscere la tragedia della morte.

Ma non finisce qui perchè l'Enpa nazionale si appella a Papa Francesco affinché anche in tale circostanza si faccia portatore di un messaggio d'amore, invocando un atto di clemenza per questi poveri animali e sottraendoli così alla loro condanna. "La festa dovrebbe rappresentare un momento di gioia per tutti gli abitanti del Creato - prosegue l'Enpa - e non un motivo per uccidere altri esseri viventi. Per di più in nome di una "tradizione" propria del Vecchio Testamento che poco ha a che vedere
con il Cristianesimo."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento