rotate-mobile
Lunedì, 8 Agosto 2022
Cronaca

Faida tra rapper, Simba La Rue risponde alle domande del giudice

Il trapper lecchese arrestato venerdì ha risposto a tutte le domande dell'interrogatorio di garanzia. Avanzata la richiesta di arresti domiciliari

Si è presentato in stampelle davanti al gip di Milano per l'interrogatorio di garanzia Simba La Rue, al secolo Mohamed Lamine Saida, a San Vittore da venerdì 29 luglio con l'accusa di rapina, lesioni e sequestro di persona. Il trapper  lecchese - come illustrato in un articolo dei colleghi di MilanoToday - ha risposto a tutte le domande poste dal giudice (Guido Salvini) e chiarito la sua posizione, ha spiegato il suo avvocato Niccolò Vecchioni. Simba La Rue, inoltre, ha ammesso di aver partecipato all'aggressione in Porta Venezia "come risposta a quella subita dall'amico a Padova, ma ha escluso categoricamente di voler rapinato le vittime", ha precisato il legale del giovane.

Riguardo all'episodio del 9 giugno nei confronti del rivale Baby Touché "Ha escluso la sussistenza del reato di sequestro di persona, ha ammesso la colluttazione con il trapper ma non di averlo caricato a forza in macchina", ha puntualizzato il legale. Non solo, secondo quanto riferito dall'avvocato il video pubblicato sui social sarebbe servito per aumentare la visibilità e ottenere clamore sui social perché l'obiettivo era fare una canzone insieme. Collaborazione che non si è mai concretizzata perché una settimana dopo Simba La Rue è stato aggredito e accoltellato.

Durante l'interrogatorio si è parlato anche dell'accoltellamento avvenuto a Treviolo (Bergamo) davanti alla casa della fidanzata dell'artista. Il trapper ha dichiarato di non sapere da chi è stato ferito perché tutte le persone che hanno partecipato all'azione erano bardate. Proprio in seguito all'aggressione il trapper avrebbe acquistato (da alcuni nomadi) la pistola e i proiettili che le forze dell'ordine hanno trovato nella sua abitazione di Como dove vive con i genitori.

Nel frattempo l'avvocato di La Rue ha detto che ha avanzato la richiesta di arresti domiciliari. "Il mio assistito è molto provato, è in condizioni di grave infermità fisica, dovrà essere sottoposto a Monza a un nuovo intervento chirurgico - ha aggiunto l'avvocato -. Lui, come gli altri arrestati, ha sicuramente compreso il disvalore delle azioni, in lui è emerso un sentimento di rammarico". Il gip potrebbe decidere nelle prossime ore sulla richiesta avanzata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faida tra rapper, Simba La Rue risponde alle domande del giudice

LeccoToday è in caricamento