menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le falesie del San Martino e Resegone, un patrimonio turistico da promuovere

Durante la consueta sessione della commissione consigliare ambiente, turismo del comune di Lecco, tenutasi ieri, venerdì 14 novembre, si è parlato della messa in sicurezza delle falesie presenti sul San Martino ed alle pendici del Resegone, per rendere più sicura l'arrampicata sportiva.

La messa in sicurezza delle falesie presenti sul San Martino ed alle pendici del Resegone, per rendere più sicura l'arrampicata sportiva è stato il tema affrontato durante la consueta sessione della commissione consigliare ambiente, turismo del comune di Lecco, tenutasi ieri, venerdì 14 novembre.

Quindi non solo il lago di Lecco sarà il punto di attrazione turistica in vista di Expo 2015, ma anche la montagna ed in particolare le falesie, oggetto di investimento, la cui speranza è quella che porti i suoi frutti ad un territorio che non ha più nel manifatturiero che fa da traino economico.

"La falesia Sorprese, sopra la capanna Stoppani, è meravigliosa con esposizione perfetta; 40 minuti avvicinamento in una vietta di 4-5 tiri stupenda". Questo uno dei  tanti Tweet che si possono leggere sui social network che riguardano la promozione dell'arrampicata sportiva sulle rocce delle montagne del capoluogo.

Resegone e San Martino, un tema per sul quale il territorio lecchese è molto attento, tanto che tramite l'interessamento della Regione Lombardia, attraverso l'assessore Antonio Rossi ha approvato il "progetto falesie" predisposto dal comune di Lecco in  previsione di Expo 2015.

La funzionaria del comune di Lecco Paola Colombo ha spiegato in dettaglio in cosa consiste il progetto di sistemazione delle falesie del San Martino e Resegone, che si concluderà a fine anno: "Tutto nasce da un comitato fra le associazioni alpinistiche della città, le Comunità Montane e il Comune. L'obiettivo è quello di dare ampliare la promozione all'attività dell'arrampicata sportiva tramite le falesie. Questo progetto andrà oltre la durata di Expo 2015, ma è un programma che proseguirà per cinque anni".

"Tutte le associazioni - prosegue Colombo -, comprese le guide alpine, saranno impegnate in particolare in due località e cioè il Resegone ed il San Martino, dove sono appunto presenti le falesie. Le associazioni avranno il compito di attrezzarle e metterle in sicurezza. Al progetto ha contribuito la regione Lombardia per 400 mila euro e altri 50 mila complessivamente da parte delle Comunità Montante e il Comune di Lecco.

"Il comune di Lecco ha il compito di rendere espandere progetto affinchè raggiunga gli appassionati anche fuori provincia - conclude l'assessore Vittorio Campione - realizzando un percorso per il pubblico tramite  cartelloni e pubblicità ed on line"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento