menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Rossi:"“Stiamo valutando in queste ore una proposta di progetto del Collegio regionale delle Guide Alpine"

Rossi:"“Stiamo valutando in queste ore una proposta di progetto del Collegio regionale delle Guide Alpine"

Ferrata Gamma2: intervengono l'assessore Rossi e Biagini

Ancora sconsigliata la percorrenza sulla ferrata Gamma 2 fino alla sua completa messa in sicurezza

“Stiamo valutando in queste ore una proposta di progetto del Collegio regionale delle Guide Alpine che, tra le altre azioni mirate alla promozione della montagna e dello sport all'aria aperta, prevede interventi volti alla sistemazione e messa in sicurezza di aree naturali per attività escursionistiche e alpinistiche”. Lo ha detto l’assessore regionale allo sport e politiche per i giovani Antonio Rossi a seguito del danneggiamento della ferrata Gamma 2 del Resegone che, a causa dei danni avvenuti su alcuni tratti, non è possibile affrontare in sicurezza. 

“Interventi di questa natura – evidenzia Antonio Rossi - erano già parte della convenzione stipulata lo scorso anno tra Regione, Collegio regionale delle Guide Alpine, Parchi regionali, Coni regionale, Cai e hanno portato all'individuazione e alla soluzione di situazioni analoghe, relative a sentieri attrezzati e vie alpinistiche sulle montagne lombarde”. “Il presidente del Gruppo Gamma, Marco Corti Mela – ha spiegato l’assessore regionale – ha agito con tempestività diramando un avviso con il quale si sconsiglia l’ascensione sulla via a partire da ieri, fino alla sua completa messa in sicurezza che, ci auguriamo, possa avvenire nel più breve tempo possibile”. 

Soddisfatto anche il presidente del Collegio Guide Alpine Lombardia, Luca Biagini “ Sono a conoscenza della situazione – ha detto – siamo stati prontamente allertati da Marco Corti Mela. E’ necessario ripristinare al più presto le condizioni di sicurezza in quanto si tratta di una delle ferrate più classiche e frequentate alla cima del Resegone. Consigliamo di seguire le indicazioni e di attendere il ripristino in sicurezza della parte che avverrà il prima possibile. Le nostre montagne offrono moltissimi altri itinerari, potrebbe essere l’occasione per ripercorrere nuove vie”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento