menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frana a Cortenova, due massi enormi si fermano prima della strada

Il fronte inizia a 200 metri dalla P62, un chilometro più a sud di quella di Bindo del 2002. I Vigili del fuoco sono intervenuti per un monitoraggio, sabato sopralluogo dei geologi

Frana a Bindo, nel comune di Cortenova, a distanza di un chilometro da quella tragica del 2002. E in Valsassina riaffora l'inquietudine.

I Vigili del fuoco sono intervenuti nel pomeriggio di venerdì per monitorarla, attraverso una ricognizione aerea con il mezzo "Drago 80" in dotazione. Personale del distaccamento di Bellano ha inoltre raggiunto la zona fino a dove consentito, rilevando l'inizio del fronte a circa 200 metri di altezza dalla strada Provinciale 62.

Macigno di 32 tonnellate incastrato

Si tratta di un costone di arenaria e conglomerato di roccia sedimentaria nota come "verrucano lombardo". La frana, verso la strada, si biforca in due tronconi. A pochi metri dalla carreggiata, rallentato dagli alberti e dalla vegetazione lungo il pendio, si è fermato un masso di circa 700 chili. Un altro, davvero imponente con le sue 32 tonnellate di peso, è rimasto incastrato sul costone a 150 metri dalla sede stradale.

A favorire la frama, ipotizzano i Vigili del fuoco, le piogge delle scorse settimane unite ai violenti sbalzi termici di questi giorni. Per fortuna non sono rimaste coinvolte persone o cose. Domani verrà effettuato un sopralluogo tecnico approfondito, da parte dei geologi del comune, per valutare le condizioni di stabilità del piano di posa del masso che si è fermato in parete a 150 metri dalla strada provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento