menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frana sulla Calolzio-Erve: rimosso il materiale crollato e strada riaperta su entrambi i lati

Ieri lo smottamento nella frazione di Rossino. Nel giro di poche ore sono stati posizionati i manufatti protettivi per una prima, provvisoria, messa in sicurezza

È già stata riaperta in entrambi i sensi di marcia e messa provvisoriamente in sicurezza la strada provinciale per Erve dove nella prima mattinata di ieri, sabato 23 gennaio, si era verificata una frana. Terra e massi erano crollati da una parete di contenimento andando a invadere buona parte della carreggiata. In quel punto, nella frazione di calolziese di Rossino, si erano già verificati in passato altri smottamenti e la forte pioggia della notte precedente ha favorito il nuovo crollo. Per fortuna in quel momento non stava passando nessuno da lì.

Frana lungo la strada che da Calolzio porta a Erve: massi invadono la carreggiata

Dario 3-2-2-2

La Protezione civile di Calolziocorte, gli assessori competenti Cristina Valsecchi e Dario Gandolfi e i tecnici provinciali sono prontamente intervenuti sul posto per verificare la situazione e provvedere a una prima messa in sicurezza, subito attuata proprio dalla Provincia. Già nel pomeriggio la strada è stata riaperta in sicurezza su entrambe le direzioni di marcia da Calolziocorte a Erve. Questo dopo aver posizionato una serie di manufatti di contenimento per proteggere la parete oggetto della frana, che dovrà essere oggetto più avanti di una definitiva messa in sicurezza. 

Strada Erve 2-2

Nei prossimi giorni il Comune di Calolzio contattaerà i privati proprietari dell'area per concordare un intervento da attuare al più presto allo scopo di garantire una volta per tutte la sicurezza lungo la strada provinciale, l'unica che conduce a Erve.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento