Cronaca

Furti con scasso in esercizi commerciali: inchiodato dalla prova del Dna

Arrestato, e sottoposto a ordinanza di custodia cautelare in carcere, un classe 1972 autore di colpi in alcuni esercizi commerciali di Lecco: a incastrarlo le tracce di sangue rimaste sul vetro infranto

Ladro tradito dalla sua stessa goffaggine. Nella mattinata di oggi, lunedì 15 marzo, personale della Squadra Mobile della Questura di Lecco ha dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Lecco nei confronti di A.T., classe 1972, già noto alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio.

All'arrestato sono stati attribuiti diversi furti con scasso commessi nella notte in alcuni esercizi commerciali di Lecco, derubati della merce in vendita e del denaro rimasto nelle casse.

La Polizia interviene per un monopattino rubato, subito rintracciati i ladri: si tratta di due minorenni

A incastrare il soggetto è stata la prova del Dna. In due episodi, infatti, l'uomo aveva infranto la vetrina degli esercizi derubati (un negozio di parrucchiere e un panificio), ferendosi a un braccio. Il sangue, rinvenuto dal personale dalla Polizia Scientifica di Lecco, è stato puntualmente repertato e inserito nella banca dati del Dna, permettendo così di risalire all'identità del reo.

Incastrato dalle telecamere di sorveglianza, l'uomo è stato riconosciuto autore anche di altri furti con scasso, fatti per i quali è stata disposta la custodia cautelare in carcere a Pescarenico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti con scasso in esercizi commerciali: inchiodato dalla prova del Dna

LeccoToday è in caricamento