menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso forzato dalla donna in via Caduti Lecchesi a Fossoli

L'ingresso forzato dalla donna in via Caduti Lecchesi a Fossoli

Tenta il furto di notte all'"Eurospin": donna scoperta e arrestata dalla Polizia

La 47enne è stata tradita dall'impianto anti-intrusione installato all'interno della struttura

Nella serata di domenica 29 aprile, gli agenti della Squadra Volanti della Polizia di Stato è entrata in azione in via Caduti Lecchesi a Fossoli, dove poco prima era scattato l’allarme anti-intrusione del punto vendita "Eurospin". Per cercare di sorprendere eventuali malfattori, i poliziotti della Volante si sono avvicinati all’obiettivo velocemente, senza azionare i dispositivi visivi ed acustici di emergenza. Giunti sul posto, gli agenti hanno constatato che la serranda metallica dell’ingresso principale dell’attività commerciale era sollevata di circa un metro, le porte scorrevoli aperte e scardinate e hanno udito un rumore provenire dall’interno del supermercato. A quel punto i poliziotti sono entrati all’interno per cercare l’origine del rumore appena udito e durante tale controllo è stata notata una donna, che stava cercando di nascondersi tra le corsie del negozio.

Ladri "golosi" al Olginate: svaligiato il bar del centro sportivo

Vistasi scoperta, la donna ha cercato di giustificare ai poliziotti la sua presenza all’interno del supermercato, spiegando di essere l’addetta alle pulizie e sostenendo di aver preso accordi con una cassiera per pulire il negozio di notte, della quale però non era in grado di fornire le generalità. La stessa, inoltre, ha sostenuto di aver pattuito nel pomeriggio con la stessa cassiera il pagamento di alcuni prodotti contenuti nella borsa termica trovata in suo possesso, per la cifra di duecento euro e che li avrebbe ritirati dopo aver terminato le pulizie del negozio.

Dopo poco, è giunto sul posto anche il direttore dell’esercizio commerciale, che subito ha smentito quanto raccontato dalla donna ai poliziotti. All’interno del negozio è risultata forzata e danneggiata una vetrina in plexiglass, presumibilmente forzata grazie all'utilizzo di un paio di grosse forbici da giardiniere rinvenute molto vicino alla stessa, dove sono stati conservati i prodotti tecnologici, tra cui due cellulari e due hard disk trovati in possesso della donna.

"Meridiana": ruba portafoglio e viene arrestato

All’interno della borsa termica sono stati rinvenuti due telefoni cellulari, due hard disk, un orologio con videoproiezione nonché alcune confezioni di formaggio e pesce surgelato, del valore complessivo di oltre trecento euro. Alla luce di quanto sopra la donna, identificata per F.R., 47enne italiana domiciliata in provincia di Lecco, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stata accompagnata negli uffici della Questura e tratta in arresto per il reato di tentato furto aggravato.

Nella mattinata odierna è stato celebrato il rito direttissimo presso il Tribunale di Lecco, al termine del quale nei confronti della donna è stata applicata la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, in attesa di giudizio.

Rubano forme di parmigiano: arrestati i ladri

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento