In Questura perchè irregolare, ruba i soldi dal portafoglio dell'amico addormentato: arrestato

I due erano stati condotti all'interno delle sale di corso Promessi Sposi perchè irregolari sul territorio italiano: davanti agli agenti è andato in scena il tentativo di furto aggravato

Nel pomeriggio di domenica 5 gennaio gli agenti della Squadra Volanti della Polizia di Stato, nel corso del proprio servizio di controllo del territorio, hanno preceduto ad accompagnare in Questura per l'identificazione due cittadini stranieri privi di documenti i quali, in seguito ad approfondimenti investigativi, sono poi risultati essere irregolari sul territorio nazionale. Si tratta di G. E., 19enne di nazionalità egiziana, e H. M., macedone classe 2002. 

"L'amico" dorme in Questura, lui prova a rubargli 35 euro: arrestato

Durante il tempo necessario allo svolgimento delle procedure di identificazione, i due sono stati fatti accomodare all’interno del locale preposto per tale operazione. Nel corso della permanenza dei due soggetti all’interno della stanza, mentre H. M. dormiva, G. E. gli si è avvicinato e, dopo averlo palpeggiato e frugato all’interno delle tasche, con mossa attenta gli ha sfilato il portafogli prelevando i soldi contenuti (35 euro), per poi occultarli all’interno di un foro dell’impianto di riscaldamento presente sul pavimento della stanza. 

Gli agenti, accortisi della commissione del reato proprio davanti ai loro occhi, sono entrati nella stanza e hanno informato il soggetto che sarebbe stato denunciato seduta stante per il reato di furto aggravato. Nella circostanza il giovane ha reagito in maniera violenta, iniziando a tenere un comportamento minaccioso e molto aggressivo nei confronti dei poliziotti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla luce di quanto accaduto, il soggetto è stato quindi tratto in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, nonché denunciato per furto aggravato. Nella giornata di martedì, presso il Tribunale di Lecco, l’arresto è stato convalidato e sono stati chiesti dal legale i termini a difesa in attesa del giudizio direttissimo, previsto per il prossimo 18 febbraio. Il reo è stato sottoposto all’obbligo di firma alla Polizia Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento