Garbagnate, sequestrata manifattura di abiti cinesi

Nel capannone vivevano e lavoravano 18 persone, inclusi due clandestini. I tre gestori, immigrati regolari, sono stati denunciati per favoreggiamento all'immigrazione clandestina e per reati riguardanti le condizioni di lavoro.

Nella mattinata di venerdì 19 settembre, agenti della Polizia e personale dell'Ufficio immigrazione hanno posto sotto sequestro un capannone di Garbagnate Monastero, dove alcuni cittadini cinesi lavoravano per produrre capi di alta moda.


Nel capannone, gestito da 3 cinesi con regolare permesso di soggiorno, è stato trovato anche un locale dormitorio e un angolo cucina, in modo che i lavoratori potessero dormire e cucire senza soluzione di continuità.


Già il 2 settembre scorso i militari avevano svolto una prima ispezione nel capannone, identificando 18 persone, di cui due clandestine, per le quali era stato quindi avviato il procedimento di espulsione. Procedimento che attualmente è stato sospeso per esigenze giudiziarie.


I tre cinesi sono stati deferiti all'Autorità giudiziaria per reati di favoreggiamento all'immigrazione clandestina e altri riguardanti le norme sulla salubrità degli ambienti di lavoro e sulla condizione dei lavoratori.


Venerdì sono stati posti i sigilli ai macchinari, in attesa di proseguire gli accertamenti sulle ipotesi di reato contestate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Crandola Valsassina: trovato morto nella vasca da bagno Vittorio Galluzzi

  • Scompare dopo la festa dei coscritti: ore di angoscia per Nicola Scieghi, si cerca nell'Adda

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

Torna su
LeccoToday è in caricamento