menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ex ambulatorio, una volta ristrutturato, sarà la nuova sede della Prefettura (foto da Google maps)

L'ex ambulatorio, una volta ristrutturato, sarà la nuova sede della Prefettura (foto da Google maps)

Nuova Prefettura, Fragomeli visita il cantiere: "Operativi entro 2016 o rescinderemo il contratto"

Il parlamentare lecchese in sopralluogo all'ex poliambulatorio: "Impegno a seguire la vicenda perché si concluda in tempi brevi"

«Entro novembre la conclusione dei lavori, cui seguirà il collaudo e quindi la piena operatività a partire dall’inizio del 2016. Nel caso in cui la tempistica non dovesse essere rispettata, invece, si provvederà alla  rescissione del contratto ed a trovare una nuova ditta appaltatrice. Questo lo scenario presentatomi oggi, da parte del Provveditorato alle Opere Pubbliche, nel corso del mio sopralluogo allo stabile di via XI Febbraio, l’immobile destinato ad ospitare i locali della nuova Prefettura di Lecco»: commenta così il sopralluogo all’ex poliambulatorio cittadino il deputato Pd Gian Mario Fragomeli, dopo la visita effettuata ieri 29 giugno al cantiere che, al termine della ristrutturazione, dovrà ospitare la nuova Prefettura di Lecco.

«Nel corso del sopralluogo - continua Fragomeli - calendarizzato su mia richiesta già alcune settimane fa, ho incontrato i funzionari del Provveditorato interregionale per le opere pubbliche, settore Lombardia e Liguria, il Rup, Responsabile unico del procedimento e i rappresentanti della società appaltatrice dei lavori: a tutti loro ho esplicitamente chiesto di avere precise garanzie in merito ai tempi di chiusura del cantiere».

«Ho quindi potuto verificare come i lavori edili siano praticamente in via di completamento e come invece manchi ancora totalmente la parte relativa all’impiantisca elettrica e a quella cosiddetta “speciale”, ovvero riguardante l’impianto di video sorveglianza - continua il parlamentare - Il Provveditorato ha poi specificato che dal termine indicato per il completamento delle opere restano esclusi i lavori per la sistemazione della recinzione e della pavimentazione esterna, che saranno invece terminati successivamente e per i quali sono comunque già state rese disponibili le risorse necessarie».

«Ho ritenuto doveroso - conclude Fragomeli - rendermi conto di persona delle ragioni di un tale ritardo nella gestione del cantiere ed ho quindi deciso di impegnarmi nel seguire da vicino la vicenda affinché lo stabile venga definitivamente consegnato alla Prefettura. Ciò porterà ad un consistente risparmio di risorse pubbliche in quanto l’Azienda ospedaliera e il Viminale hanno da tempo sottoscritto un contratto di comodato d’uso gratuito della durata di trent’anni. Attualmente invece, il Ministero, per la sede di corso Promessi Sposi, paga ancora un affitto pari a 350 mila euro annui».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento