menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'occasione per valutare idee e prospettive di sviluppo e recupero del tratto di ex sedime ferroviario della linea Cernusco-Airuno

Un'occasione per valutare idee e prospettive di sviluppo e recupero del tratto di ex sedime ferroviario della linea Cernusco-Airuno

Giovedì 29 maggio: incontro per il recupero della ferrovia dismessa tra Cernusco e Airuno

Durante l'incontro verranno presentati anche gli elaborati degli studenti del corso "Progettazione delle aree verdi e del paesaggio sulla tratta dimessa Cernusco-Airuno"

Giovedì 29 maggio alle ore 18.30, nella sala civica di viale Sommi Picenardi a Olgiate Molgora, si terrà un incontro pubblico di condivisione e presentazione degli elaborati degli studenti del corso di Laurea Interateneo in "Progettazione delle aree verdi e del paesaggio sulla tratta dimessa Cernusco-Airuno".

L’iniziativa, organizzata dai comuni di Brivio, Airuno e Olgiate Molgora in collaborazione con la Provincia di Lecco, con il coordinamento di Giulio Senes e Roberto Rovelli, docenti della facoltà di agraria dell’università degli studi di Milano, rappresenta un’importante occasione per valutare idee e prospettive di sviluppo e recupero del tratto di ex sedime ferroviario della linea Cernusco-Airuno.

L'incontro nasce dalla crescente attenzione per il recupero del tratto dimesso tra Airuno e Olgiate Molgora, che negli ultimi mesi ha visto la Provincia di Lecco, con i comuni di Olgiate Molgora, Airuno e Brivio e le associazioni locali, in prima linea per la valorizzazione di un tratto ferroviario che potrebbe essere recuperato a fini ciclopedonali.

L’attenzione è stata posta anche dall'Università degli Studi di Milano, che ha scelto questo percorso per far “sperimentare sul campo” gli studenti del corso di laurea in progettazione delle aree verdi e del paesaggio.

“La Provincia di Lecco - commenta l’assessore alla mobilità e trasporti Franco De Poi - ha investito sullo sviluppo della mobilità nel nostro territorio, partendo dalla valorizzazione dei vecchi tracciati ferroviari, che possono rappresentare una grande opportunità di crescita della mobilità dolce, quale valida alternativa in chiave moderna ed ecocompatibile. 

Il recupero dei sedimi ferroviari dismessi, degli argini dei fiumi e delle alzaie dei canali per trasformarli in percorsi riservati alla mobilità dolce, chiamati anche green way, hanno rappresentato e continuano a costituire una necessaria pratica anche per la salvaguardia e la tutela del territorio.
In quest’ottica la Provincia di Lecco, in sinergia con enti locali e Regione Lombardia, ha promosso i lavori di recupero in particolare del ponte ferroviario dimesso, con la riqualificazione dell’alzaia lungo l’Adda da Lecco a Milano. 

L’intervento, perfettamente riuscito, ha permesso di collegare le due sponde dell’Adda tra Calolziocorte e Olginate, con la completa percorrenza ad anello della ciclopedonale del lago di Garlate. In occasione della giornata delle ferrovie dimenticate, organizzata lo scorso 2 marzo da LeccoCiclabile, provincia di Lecco e comuni di Olgiate Molgora, Brivio e Airuno, oltre 300 persone si sono avventurate a piedi alla scoperta proprio di questo tratto dimesso. 

Ad aprile, inoltre, è stato inaugurato il servizio di bike sharing "Pedalare oltre i confini", sistema di biciclette condivise dei comuni di Lecco, Vercurago, Calolziocorte, Olginate, Garlate e Malgrate. Le iniziative che si stanno attuando per il tratto tra Airuno e Olgiate Molgora si inseriscono in un percorso di condivisione dell'importanza del recupero del sedime, che con i comuni vogliamo portare a compimento, acquisendo il sedime e progettando l'opera per accedere a finanziamenti dedicati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento