menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il compianto Generale degli alpini Attilio Milesi, 72 anni.

Il compianto Generale degli alpini Attilio Milesi, 72 anni.

Gli alpini piangono il generale Attilio Milesi. Al papà Pippo è intitolato il gruppo di Calolzio

Tra i numerosi incarichi anche quello di istruttore alla scuola delle penne nere di Aosta. Da qualche tempo viveva a Santa Marinella, vicino a Roma

Le penne nere piangono Attilio Milesi, generale degli alpini e figlio di Pippo Milesi al quale è intitolato il gruppo Ana di Calolzio. 72 anni, originario della valle San Martino, Milesi si è spento nella sua abitazione a Santa Marinella vicino a Roma - dove abitava da tempo - dopo una vita dedicata a servire lo Stato Italiano, sempre nel corpo degli alpini. Il generale calolziese era stato a lungo istruttore nella scuola degli alpini di Aosta. Dal 23 agosto 1989 al 24 agosto 1990 aveva comandato il battaglione alpini "Tirano" in Malles/Glorenza. Al termine del Comando era stato impiegato, fino al 1994, come Ufficiale in Servizio di Stato Maggiore, all'Ufficio di Gabinetto del Ministro della Difesa in qualità di Ufficiale Addetto al 3° Ufficio Politica Militare.

I tanti e importanti incarichi ricoperti dal compianto generale

Promosso Colonnello nel 1992, aveva comandato il 7° reggimento alpini dall'estate 1994 all'autunno 1995. Attilio Milesi Lascia la moglie Gabriella, il figlio Maurizio e la figlia Marzia, oltre ai due fratelli Marco e Roberto che abitano tuttora nel Calolziese. I funerali del generale verranno celebrati domani alle 16 nella chiesa di Santa Marinella. «La scomparsa di Attilio lascia un grande vuoto in noi alpini, era una figura molto importante e figlio di Pippo al quale è intitolato il nostro gruppo - commenta Carlo Viganò - Oltre ad Aosta era stato anche, in qualità di comandante, in Trentino Alto Adige. Ci uniamo al cordoglio della famiglia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento