L'auto lasciata ai Resinelli, le ricerche notturne e il tragico ritrovamento: ricostruite le ultime ore di Luca d'Addario

L'uomo, 49enne di Cesana Brianza, ha perso la vita nel canalone Caimi sulla Grignetta: i soccorritori hanno lavorato in una zona complessa per lunghe ore, fino al completamento del recupero

Una fase dei soccorsi operati in Grignetta

È scivolato mentre era sul sentiero Cermenati, probabilmente in fase di discesa, nei pressi del canalone Caimi. Un salto di diversi metri che gli è costato la vita. Luca d'Addario, 49 anni, di Cesana Brianza, è stato ritrovato mercoledì mattina in Grignetta; era disperso dal giorno precedente, quando si era recato nel Lecchese per svolgere un'escursione.

Disperso in Grignetta, i soccorritori lo ritrovano privo di vita

Le ricerche, come spiegato dal Soccorso Alpino, sono partite dal ritrovamento dell’auto, avvenuto intorno alle ore dieci di mattina; da lì d'Addario si era diretto verso il rifugio Porta e, da lì, all'altezza del Bivacco Ferrario. In serata è stato lanciato l'allarme per il mancato rientro ed erano iniziate le ricerche, sia con l'ausilio dell'elicottero di Como che con gli uomini del soccorso Alpino: insieme hanno battuto diversi sentieri fino alle 2 della notte tra martedì e mercoledì. Le ricerche sono ripartite la mattina seguente intorno alle 6 e hanno avuto un esito tragico, con il ritrovamento del corpo senza vita del 49enne.

L'utilizzo dei visori notturni

Martedì, si apprende da fonti del Soccorso Alpino, i tecnici lo hanno individuato durante il sorvolo dell’elicottero. L’intervento si è concluso dopo l’accertamento della morte da parte dell’équipe medica e il nulla osta del magistrato. L’operazione si è infatti svolta senza alcuna conseguenza a carico dei soccorritori, aspetto per nulla scontato, «soprattutto grazie a un perfetto coordinamento tra le squadre a terra e il gruppo che fa capo all’elicottero, composto da pilota, tecnico Cnsas di elisoccorso ed équipe sanitaria».

Scarica di sassi lo colpisce in testa: escursionista elisoccorso in Grignetta

La zona era molto impervia e soggetta a scariche di sassi, incombevano il buio, la nebbia e la variabilità del maltempo. Nonostante tutto questo, una precisa gestione dei tempi e delle fasi dell’intervento ha permesso di portare in quota le squadre del Cnsas con l’elicottero, attrezzato per operare di notte con appositi visori notturni (NVG). I tempi per il ritrovamento e poi per il recupero della persona soccorsa sono stati ridotti in modo notevole ed è anche stata garantita l’incolumità di tutte le persone coinvolte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sistema di soccorso funzionale anche in contesti complessi»

«A fare la differenza - spiega sempre il Cnsas - sono sempre la forte intesa tra le persone in campo, l’alto livello tecnico, la preparazione e le competenze. Per l’escursionista purtroppo non c’era più nulla da fare ma l’intervento di ieri ha permesso di verificare che il sistema del soccorso è in grado di agire anche in contesti estremamente complessi: un’esperienza che sarà determinante per il futuro di questo tipo di servizio. Da parte della XIX Delegazione Lariana, un ringraziamento sentito all’équipe dell’elisoccorso e ai propri tecnici».

Grignetta: il Bivacco Ferrario torna a risplendere con i lavori di restyling

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Postavano sui social video girati a Lecco con pistole e maceti, blitz della Polizia contro la "Baby Gang"

  • Coronavirus, il punto: oggi 96 nuovi casi nel Lecchese, oltre 35.000 tamponi in Lombardia

  • Coronavirus, il punto: numero record di positivi nel Lecchese, 198

  • Conte ha firmato il nuovo Dpcm. Bar e ristoranti chiusi alle 18, alle superiori didattica a distanza al 75%

  • Covid nelle scuole lecchesi: più di 100 classi in quarantena nelle ultime due settimane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento