menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il gruppo alpino Pizzo D'Erna festeggia i suoi primi 60 anni

Festa grande nel quartiere Bonacina dove il gruppo alpini Pizzo Erna ha celebrato i 60 anni di fondazione.

Sessant’anni di vita, un prezioso traguardo  che vede ora come capogruppo Maurizio Briacca. Oggi con i suoi alpini in congedo ha fatto gli onori di casa invitando i gruppi della sezione Ana di Lecco. In zona Movedo si è tenuto il concentramento delle penne nere, che poi sono partite per la sfilata per le vie del quartiere.

In questi anni grazie il gruppo si è contraddistinto nelle diverse iniziative che si tengono anche in città.  Fra le sezioni alpine particolare la presenza del gruppo Monte Pasubio di Vicenza con il quale il gruppo Pizzo Erna da alcuni anni  ha stretto un patto di gemellanza con l'identico  obiettivo: la fratellanza e in particolare per le comunità nelle quali operano.  Una sfilata per le vie del rione dove spiccava un'immagine ormai storica legata al giorno della fondazione del Gruppo,

"Oggi per me è un giorno speciale . sottolinea Briacca - per sono qui a festeggiare questi 60 anni insieme a molti amici, con i quali ho condiviso molti avvenimenti importanti della mia vita. Se oggi siamo qui tutti a celebrare questo avvenimento lo dobbiamo a qualcuno di molto importante che ci sorveglia da lassu. Nonostante le piccola e grandi difficoltà dobbiamo sentirci tutti italiani e lo dobbiamo essere con orgoglio".

"Ringrazio tutti color che oggi sono qui con noi alla Bonacina a festeggiare questo importante evento - prosegue Marco Magni Presidente zonale degli alpini - un rione che ha accolto gli alpini como se fosse una famiglia. Noi dobbiamo portare avanti i valori tutti quei valori che i nostri vecchi ci hanno trasmesso. Se oggi noi abbiamo la fortuna di essere qui a festeggiare lo dobbiamo anche a tutti coloro che hanno dato la loro vita nella campagna di Russia nella seconda guerra mondiale. Noi abbiamo dei valori e li dobbiamo preservare, valori che sono gli stessi di Don Carlo Gnecchi, che li portava fra la gente e non li teneva nascosti nell'armadio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento