menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Guardia di Finanza, i numeri dei controlli estivi a tutela di consumatori e imprese regolari

I sequestri sono aumentati in maniera sensibile rispetto all'estate 2014

La Guardia di Finanza ha recentemente reso pubbliche le cifre dei controlli estivi a tutela dei consumatori e delle imprese che rispettano le regole, in contrasto all'abusivismo e al lavoro in nero.

A livello nazionale, sono stati quasi 74 i milioni di prodotti contraffatti ed insicuri, sequestrati dalle forze dell'ordine nel corso di 1.634 interventi. Di questi, quasi 30 milioni sono i pezzi "tarocchi", 3 violano le norme a tutela del "Made in Italy" e quasi 40 risultano pericolosi per l'utilizzatore finale.

L'ondata di sequestri ha portato alla denuncia di 676 responsabili, di cui 12 tratti in arresto, e alla scoperta di sei opifici industriali direttamente implicati nella produzione delle merci irregolari.

Le indagini sono partite dai punti di smercio e vendita, concentrati nelle località di villeggiatura, per poi risalire lungo tutta la filiera e scoprire i centri di produzione, distribuzione e importazione del falso. I sequestri sono aumentati sensibilmente rispetto all'estate 2014.

Al centro del mirino sono finiti anche i distributori stradali di carburante: tra i 905 controllati sono emerse più di 200 violazioni, di cui quasi 80 relative alla disciplina sui prezzi. Oltre alle sanzioni amministrative, i 24 casi più gravi si sono visti denunciare e sequestrare prodotti petroliferi per oltre 354 mila litri.

Per quanto riguarda la vendita al dettaglio, quasi 450 sono stati i venditori sprovvisti di licenza e di permessi previsti dalla normativa commerciale e di pubblica sicurezza (quindi completamente abusivi), mentre oltre 1.400 pur in possesso delle autorizzazioni non hanno rispettato gli obblighi fiscali (quindi evasori totali). Oltre 1.300 sono invece i lavoratori in nero individuati nel settore, di cui 13 minori.

Infine, anche gli affitti irregolari di seconde e terze case nelle principali località di villeggiatura sono risultati numerosi: sui circa 500 controlli effettuati, circa la metà presenta violazioni alle norme vigenti in materia.

La Guardia di Finanza rende inoltre noto che il piano operativo dei controlli proseguirà per tutto il periodo estivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento