menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Filmava la vicina mentre usciva dalla doccia: per la Cassazione non è reato, assolto 37enne

Caduta l'accusa di violazione della privacy per avere fotografato e filmato la vicina di casa che lasciava la finestra del bagno priva di tende

Il precedente creato è decisamente significativo, oltre che surreale: guardare e filmare con un mezzo tecnologico facilmente reperibile, ad esempio un telefonino, una vicina che fa la doccia senza far nulla per "schermare" la propria intimità, non costituisce violazione della privacy.

A stabilirlo è la Cassazione, che ha ridotto la pena a un "guardone" - condannato a due anni e sei mesi per aver filmato le dipendenti del suo bar mentre si cambiavano nello spogliatoio e per avere abusato di una bambina di dieci anni - e lo ha assolto dall'accusa di violazione della privacy per avere fotografato e filmato la vicina di casa che usciva dalla doccia senza preoccuparsi della finestra del bagno priva di tende.

L'uomo, un 37enne, per quest'ultimo reato, cancellato dalla Corte di Cassazione, era stato condannato a due mesi e quindici giorni nel processo con rito abbreviato in primo grado al Tribunale di Busto Arsizio, condanna confermata dalla Corte di Appello di Milano.

La notizia su Milano Today

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Attualità

Tir bloccato in via Parini: rallentamenti nel centro di Lecco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento