menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incendio divampato nella notte di lunedì (foto A. Costanzo)

L'incendio divampato nella notte di lunedì (foto A. Costanzo)

Lezzeno, prosegue il lavoro dei canadair per spegnere l'incendio

Tre mezzi sono in volo per estinguere gli ultimi focolai del rogo che ha distrutto ettari di bosco

Tre canadair sono in volo dalle prime ore di oggi 15 aprile per concludere le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è sviluppato sopra Lezzeno (Co) nella notte di lunedì 13, e che in 24 ore ha distrutto ettari di bosco, arrivando a lambire anche la Statale lariana.

Sono ancora da stabilire le cause del rogo che, stando a quanto riporta La provincia di Como, avrebbe distrutto due milioni di metri quadrati di vegetazione, portando anche un innalzamento del rischio frane.
Nonostante non sia ancora chiara l'origine, però, è impossibile non pensare al dolo: sui social network sono in molti, fra i comaschi e i lecchesi che hanno assistito al terribile spettacolo, ad avanzare l'ipotesi che le fiamme siano state appiccate da mano umana.

«Solo un criminale può appiccare un incendioscrive, tra gli altri, il fotografo comasco Alfredo Costanzo, sulla sua pagina social - ben consapevole del fatto che, oltre a distruggere ettari di vegetazione (che impiegheranno anni e anni prima di ricrescere) e a far morire animali (venerdì salendo in montagna a fotografare l'incendio, ho incrociato un cervo tutto bruciacchiato) metta a repentaglio la vita di molte persone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento