menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Influenza, la Regione ai medici di base: "Fate più visite a domicilio"

Il problema sta nell'intasamento (quasi cronico a dicembre) dei pronto soccorso

Il picco di influenza anche in Lombardia va fronteggiato cercando di evitare il più possibile le code ai pronto soccorso. Motivo per cui la Regione, tramite le Ats, ha "sensibilizzato" i seimila medici di famiglia invitandoli a incrementare le visite a domicilio. Giulio Gallera, assessore al welfare, spiega che la "vera" soluzione sarà però una vaccinazione contro l'influenza ancor più "di massa". 

L'influenza del 2017-2018 ha prodotto anche gravi effetti: come la morte di una quarantaseienne di Rho, dopo alcuni giorni di febbre e problemi respiratori. L'ordine dei medici, però, non ci sta e ritiene che i professionisti facciano già quello che la Regione sta loro chiedendo. Lo afferma Roberto Carlo Rossi, presidente dell'ordine milanese, sulla propria pagina Facebook, chiedendo anche che vengano aumentati gli organici negli ospedali e che si faccia educazione sanitaria a scuola per evitare che persone poco informate corrano al pronto soccorso se non c'è effettivo bisogno. Il botta e risposta è acceso: Gallera ha avuto modo di replicare che potrebbero essere proprio i medici di medicina generale («che paghiamo per curare tutti i cittadini») a veicolare il giusto messaggio sul recarsi al pronto soccorso solo in caso di necessità.

La notizia su MilanoToday.it. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Lecco e la Lombardia da oggi tornano in zona arancione: in vigore nuovi divieti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento