Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Offese discriminatorie su un pullman di linea, avviata l'indagine interna. il Comune: «Solidarietà alla ragazza, atteggiamento inqualificabile»

I responsabili dell'accaduto sono stati convocati dall'azienda pubblica per le verifiche del caso. Linee Lecco: «Chiediamo scusa a tutta la città»

Ha suscitato logico scalpore il video che è stato diffuso nella serata di martedì 9 aprile sui social network. Nella clip si vede un controllore che, accompagnato da un collega, prima riprende una donna perchè colpevole di aver obliterato il biglietto in ritardo e, successivamente, le rivolge delle parole dai connotati discriminatori, perchè relative all'origine straniera della stessa. Il filmato ha avuto l'eco maggiore all'interno del gruppi "Sei di Lecco se..." (oltre 22mila iscritti), dov'è stato visionato anche da degli addetti di Linee Lecco.

La ragazza: «Non è la prima volta che si comporta così. Se perdesse il lavoro mi dispiacerebbe»

La solidarietà di Linee Lecco e Comune

Nella mattinata di mercoledì i due controllori della Società Civis di Milano sono stati convocati dalla Direzione per le verifiche e i procedimenti del del caso: Linee Lecco ha porto le sue scuse alla donna, alla città, all'Amministrazione e ai propri dipendenti. Scuse e solidarietà a cui si è allineata anche la Giunta di Lecco capeggiata dal sindaco Mauro Gattinoni: «L’Amministrazione comunale del Comune di Lecco esprime solidarietà alla ragazza vittima dell’inqualificabile episodio di offese di stampo razzista avvenuto su un mezzo di trasporto pubblico locale nella giornata di ieri, 9 febbraio 2021 - si legge in una nota -. Il Sindaco Mauro Gattinoni, a nome della comunità tutta, ha voluto esprimere direttamente alla ragazza stessa -nel corso di una telefonata privata- la sua vicinanza e la ferma condanna di un comportamento aggressivo nei toni e insopportabile nei contenuti. Nessuna infrazione può giustificare una simile condotta da parte di chi è assunto dal servizio pubblico per garantire rispetto e sicurezza. Come già affermato dall’azienda stessa, Linee Lecco ha richiesto ulteriori approfondimenti e verifiche sulle dinamiche dei fatti al fine d’intraprendere i provvedimenti necessari».

La nota di Linee Lecco

"In merito a quanto avvenuto nella giornata di ieri sul bus in servizio della linea 1 e relativo all'intervento di due addetti della Società CIVIS di Milano, incaricata dalla scrivente Società per il servizio di controllo relativo ai documenti di viaggio, Linee Lecco porge le scuse ufficiali alla signora coinvolta in questo episodio, scuse che Linee Lecco intende estendere anche alla Città di Lecco, all’Amministrazione Comunale e ai dipendenti di Linee Lecco. Linee Lecco ritiene non accettabile e non condivisibile il comportamento tenuto dall’addetto della Società CIVIS nello svolgimento del servizio cui era preposto ed ha convocato i Dirigenti della stessa, per i dovuti chiarimenti e provvedimenti necessari. Linee Lecco precisa che sono tuttora in corso ulteriori approfondimenti e verifiche per quanto avvenuto e che si riserverà di considerare tutte le opzioni e azioni a tutela della stessa. Linee Lecco comunica che il servizio di controllo relativo ai documenti di viaggio sui propri mezzi proseguirà come da contratto, procedure e disposizioni aziendali".

Si parla di

Video popolari

Offese discriminatorie su un pullman di linea, avviata l'indagine interna. il Comune: «Solidarietà alla ragazza, atteggiamento inqualificabile»

LeccoToday è in caricamento