menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Introbio, l'acqua non è potabile: Idroservice fa il punto della situazione

Secondo l'azienda che gestisce la rete idrica, le acque piovane dello scorso agosto hanno contribuito a intorbidire la falda acquifera. Sono in corso le verifiche per riportarla entro i parametri di potabilità.

Idroservice, la società che gestisce il servizio idrico in tutta la provincia di Lecco, interviene sulla situazione di Introbio, dove l'acqua è stata dichiarata non potabile lo scorso 23 settembre.


Nel paese della Valsassina, spiega l'azienda, l'acqua viene depurata tramite un sistema a raggi UV, seguendo il piano di controllo analitico concordato con l'Asl. A fianco del sistema UV, che viene mantenuto costantemente in funzione e in condizioni di efficienza, è installato un impianto di clorazione che viene utilizzato solo quando l'impianto a raggi ultravioletti è in manutenzione.


"Il sistema UV è in grado di assicurare un’adeguata protezione batterica a fronte di condizioni di stabilità delle adduzioni idriche - si legge nel comunicato diffuso dall'azienda - tali condizioni possono essere talvolta perturbate da interferenze quali la torbidità dell’acqua in conseguenza di precipitazioni meteorologiche che causino l’ingresso nelle sorgenti di acque provenienti dal dilavamento delle superfici circostanti. La variazione del valore di torbidità è, con ogni probabilità, all’origine del fenomeno rilevato nel campionamento Asl."


Potrebbe esserci, quindi, il maltempo dello scorso agosto all'origine dell'aumento di torbidità delle acque introbiesi: a fronte di questo, Idroservice ha immediatamente attivato anche il sistema di clorazione per depurare ulteriormente le acque, e già dal 24 settembre l'acqua della fontana di via Fucinetta risultava di nuovo nei parametri di conformità.


Attualmente sono in corso ulteriori analisi per verificare che il sistema di depurazione a raggi ultravioletti sia di nuovo sufficiente senza dover immettere cloro nell'acqua: la clorazione, infatti, porta al verificarsi del fenomeno della cosiddetta "acqua rossa", lamentato in passato dai cittadini di Introbio.
Una volta completate tutte le verifiche, Idroservice informerà il Comune di Introbio, che potrà revocare l'ordinanza di non potabilità dell'acqua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento