Italcementi, richiesta analisi epidemiologica: una grande vittoria per il territorio

Il comunicato del comitato Aria Pulita Centro Adda

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Dopo infinite mozioni, interrogazioni, mobilitazioni popolari, a quasi due anni dall’inizio dell'iter organizzativo, l'ATS di Bergamo ha chiesto di integrare lo studio effettuato da Italcementi, con un'analisi epidemiologica.

La mobilitazione popolare, che ha visto oltre 10.000 firme (autentiche e vere!) raccolte, oltre alle varie grandi manifestazioni pubbliche organizzate sul territorio, hanno contribuito in maniera decisiva al cambio di rotta dell'ATS di Bergamo, che si è finalmente decisa a richiedere un'indagine epidemiologica portando la Provincia di Bergamo a sospendere l'iter autorizzativo.

Un plauso va a Paolo Grimoldi per la Camera, a Paolo Arrigoni per il Senato, ai consiglieri provinciali di Lecco e Bergamo Zambetti, Masper e Centurelli, all'amministrazione comunale di Cornate d'Adda (che con la sua ferma opposizione ha fatto naufragare il famigerato protocollo), alle amministrazioni di Paderno d'Adda, Merate e Imbersago per la sensibilità e il sostegno dato, a Paolo Mauri e Simonetta Soldi nella veste di consiglieri del Parco Adda Nord e a Goffredo Bursi per il sostegno nella parte tecnica.

Un ringraziamento particolare ai nostri battaglieri consiglieri comunali:
Marco Benedetti, Massimo Panzeri, Andrea Valli e Matteo Crippa, per l'azione svolta nei comuni di Verderio, Merate e Paderno d'Adda.

Una battaglia importante per la tutela della salute dei cittadini è stata vinta, ma la lunga guerra per ottenere che Italcementi receda dalla propria richiesta di utilizzare CSS, è ancora lunga.

Come comitato Aria Pulita Centro Adda chiediamo che l'indagine epidemiologica sia condotta con metodo geo referenziato denominato caso – controllo (comunemente chiamato "metodo Crosignani").

Solo questo metodo è in grado di definire in maniera chiara e inequivocabile, una correlazione tra le patologie sulla cittadinanza e le emissioni di Italcementi. Diversamente, ogni risultato sarebbe vago e non riconducibile all'azienda in modo puntuale.

Il nostro appello alle istituzioni coinvolte, è che seguano il metodo Crosignani; sistemi diversi sono solo "spot" tanto per dare il contentino ai cittadini, consapevoli che studi diversi porterebbero a risultati quantomeno vaghi.

Il Comitato Aria Pulita Centro Adda continuerà nella battaglia a tutti i livelli istituzionali, affinchè la tutela della salute di tutti i Cittadini sia preservata e tutelata. In ultimo, ma non certo per importanza, approfittiamo di questo comunicato per ringraziare le migliaia di cittadini comuni che, a prescindere dalla propria appartenenza politica, hanno attivamente dato il loro contributo per questa battaglia a difesa del nostro territorio.

COMITATO ARIA PULITA CENTRO ADDA
ariapulitacentroadda@gmail.com

Torna su
LeccoToday è in caricamento