Bagni al lago in tutta sicurezza, fra Asl e Legambiente "Nessuna polemica"

Achille e Di Simine spiegano: "Eseguiamo controlli diversi in zone diverse"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

In riferimento alla polemica apparsa in questi giorni su alcuni giornali locali in merito alla balneabilità del nostro lago, l’Asl di Lecco  e Legambiente, precisano che i valori dei prelievi di acqua effettuati presentano risultati differenti in quanto il  monitoraggio delle acque  si svolge  in zone diverse.  

I campionamenti dell’Asl sono effettuati seguendo le indicazioni dei punti precisi di prelievo indicati da Regione Lombardia .

L’Azienda sanitaria esegue un monitoraggio di tipo sanitario, non ambientale ed i  controlli avvengono nei pressi di spiagge e aree turistiche, con il solo scopo di tutelare la balneazione delle persone.

Diversa invece la metodologia e la finalità di Legambiente che esegue i prelievi alle foci dei torrenti, nei  porti o comunque in zone dove le persone non possono e non devono immergersi.

Finalità dell’associazione ambientale è mettere in evidenza le possibili minacce per la salute del lago e  per questo motivo vengono valutati  i punti maggiormente critici.

Quindi nessuna polemica tra le due realtà, ma collaborazione e rispetto dei ruoli reciproci, con l’ obiettivo di tutelare la salute dei cittadini e l’ambiente.  

Giovanni Achille - Direttore del Dipartimento di Prevenzione Medica ASL Lecco
Damiano Di Simine - Presidente Legambiente Lombardia

Torna su
LeccoToday è in caricamento