Resti umani ritrovati nel lago: le ossa saranno sottoposte a delle analisi genetiche

L'incarico è stato assegnato dalla Procura della Repubblica di Lecco: i dati saranno inseriti nella banca nazionale delle persone scomparse

Proseguono le indagni sui resti di un cadavere rinvenuti da alcuni pescatori stranieri all'interno del lago di Annone Brianza, in località Isella di Civate, negli ultimi giorni di ottobre. In relazione al ritrovamento di un osso mascellare umano, la locale Procura della Repubblica, notiziata nel merito dal Comando Stazione Carabinieri di Valmadrera, ha conferito incarico ad un genetista di effettuare analisi genetiche ortognatiche, odontologiche forensi e finalizzate all’estrapolazione del DNA, al fine di confrontarlo ed inserirlo con i dati presenti nella Banca Dati Nazionale delle Persone Scomparse (Sistema Ri.Sc. – Ricerca Scomparsi), nonché di confrontarlo con il materiale “ante morten” presente nelle strutture ospedaliere.

Il ritrovamento

Alcuni resti umani sono stati trovati nel lago di Annone Brianza, non lontano dal tracciato della Strada Statale 36 "del Lago di Como e dello Spluga". Si tratta di una mandibola e altre parti di scheletro, recuperate e ora sottoposte all'esame dell'anatomopatologo incaricato dalla Procura della Repubblica di Lecco.

Resti umani trovati nel lago di Annone: indagano le forze dell'ordine

Il macabro rinvenimento è avvenuto in questi giorni ed è stato coperto dal riserbo delle forze dell'ordine: a effettuarlo sono stati alcuni pescatori in località Isella di Civate, sulla sponda del lago che si estende oltre un ex campeggio. Nessuna certezza per ora sull'identità della vittima e, tantomeno, su tempi e cause del decesso o se, ancora, si tratti di un uomo o di una donna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare l'allarme dopo il ritrovamento sono stati gli stessi pescatori stranieri, originari dell'Est Europa, abituali frequentatori delle rive del lago di Annone, dove sono soliti anche accamparsi. Le ossa sono state viste nelle vicinanze del sentiero che si addentra nella zona boschiva del lungolago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, la Asst Lecco fa chiarezza: al momento terapie intensive vuote

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento