menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, Valerio Colleoni risponde a Landini: "L'articolo 18 è un falso problema"

Maurizio Landini, ospite sabato 20 al circolo Arci La Ferriera, ha spiegato che abolire l'articolo 18 porterebbe a mettere in discussione tutto il sistema lavoro. Replica Valerio Colleoni, segretario di Cisl Lecco-Monza Brianza: "Il vero problema è la mancanza di lavoro"

La sera di sabato 20 settembre Maurizio Landini, segretario di Fiom/Cgil, è stato ospite della festa di Sinistra, Ecologia e Libertà che si è svolta al circolo Arci La Ferriera. Durante l’incontro con i cittadini, dal titolo “Fate il lavoro, non fate la crisi”, il segretario ha ribadito alla platea lecchese le posizioni del sindacato cui appartiene per quanto riguarda l’intenzione del Governo di abolire l’articolo 18.

Landini ha spiegato come, secondo Fiom/Cgil, il tentativo di mettere in discussione l’articolo 18 dello statuto dei lavoratori che regola i licenziamenti sia la strada sbagliata da seguire se si vuole rilanciare l’occupazione e come il superamento dello stesso rischia di essere il primo passo per un ridisegno complessivo del sistema lavoro, in cui viene messa da parte anche la contrattazione collettiva.

Di diversa opinione è Valerio Colleoni, segretario generale aggiunto della sezione Lecco-Monza Brianza della Cisl, che in merito alle dichiarazioni di Landini fa notare che quello dell’articolo 18, in realtà, sia un falso problema.

«La fine delle grandi imprese e la polverizzazione dell’occupazione lo hanno reso inutilizzabile per gran parte dei lavoratori evidenzia il segretario Cisl in quanto nella situazione attuale il vero problema è il lavoro, o meglio, la sua mancanza. L’economia può ripartire solo con il lavoro. La globalizzazione e l’Europa ci hanno mostrato elementi di flessibilità che le imprese hanno utilizzato in questi momenti di crisi».

La domanda che Colleoni e la Cisl si pongono è come tutelare tutti i lavoratori e come far crescere l’occupazione e, per quanto riguarda l’articolo 18, il segretario conclude sottolineando: «Le tutele progressive sono un tema su cui si può discutere, così come sono inaccettabili alcune forme di licenziamenti vessatori».


Rimane anacronistico, secondo lui, aggrapparvisi ideologicamente: il rischio sarebbe, infatti, di «spostare la discussione su una nostalgica concezione del lavoro anni Settanta che oggi non c’è più».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento