menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Nazionale di cui Lara Comi, in basso a sinistra, è capitana

La Nazionale di cui Lara Comi, in basso a sinistra, è capitana

Arrestato a Lecco lo stalker dell'europarlamentare Lara Comi

L'europarlamentare di Forza Italia si trovava in città per disputare una partita della Nazionale femminile europarlamentari, di cui è capitana.

Incubo finito per Lara Comi: lo stalker che la perseguitava è stato arrestato. A renderlo noto è lo stesso eurodeputato di Forza Italia e vice capogruppo del Partito Popolare Europeo, che ha ringraziato pubblicamente le forze dell’ordine che hanno provveduto all’arresto dell'uomo “che purtroppo da mesi e mesi minacciava la mia serenità e la mia libertà”. Come ha poi ribadito il proprio impegno “per una nuova cultura del rispetto delle donne e per la piena applicazione delle norme contro la violenza”. 

Il racconto di Laura Comi riportato dal quotidiano Il Giorno:

Mi trovavo a Lecco per una partita della nazionale femminile delle parlamentari, di cui sono capitana. Fra l’altro era un’iniziativa benefica contro la violenza sulle donne - racconta, raggiunta in serata al telefono - Gli uomini della scorta hanno riconosciuto il mio aguzzino fra il pubblico e hanno lanciato l’allarme. La polizia è intervenuta e l’ha arrestato

“Ora spero che resti a lungo in carcere e non esce dopo tre giorni”, ha concluso Comi.

"Questo pomeriggio le forze dell'ordine hanno provveduto all'arresto del mio stalker che purtroppo da mesi e mesi minacciava la mia serenità e la mia libertà". E' quanto ha reso noto Lara Comi, eurodeputato di Forza Italia e vice capogruppo del Partito Popolare Europeo.
"Desidero per questo ringraziare la Polizia di Stato, che mi è sempre stata vicina, con in particolare il prefetto Gabrielli, la Procura di Lecco che si e' attivata subito con il provvedimento di arresto e quella di Busto Arsizio. Purtroppo - ha proseguito l'europarlamentare - la cronaca di questi giorni continua ad offrire storie terribili, finite in tragedia. Per questo il mio impegno per una nuova cultura del rispetto delle donne e per la piena applicazione delle norme contro la violenza continuerà con maggior impegno", ha aggiunto all'Ansa Laura Comi.

La nota della Questura di Lecco

Nel pomeriggio di ieri, personale della locale DIGOS (impegnato nel servizio di osservazione in occasione dell’incontro amichevole di calcio femminile della nazionale parlamentari con una rappresentativa locale, organizzato in questo capoluogo dall’On. TENTORI – PD) procedeva a rintracciare e successivamente trarre in arresto ex Art.381 c.p.p. G. B., 47enne residente in provincia di Venezia, in quanto inottemperante al provvedimento di divieto di avvicinamento entro 500 metri all’Eurodeputata Lara Comi, emesso dall’A.G. di Busto Arsizio (VA), per pregressi reiterati atti persecutori ex Art.612 bis c.p. (cd Stalking) nei confronti della medesima, presente sul posto e beneficiaria di servizio di tutela a cura della Questura di Varese.

Il nominato, dopo l’espletamento delle formalità di Legge, veniva associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento