menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Latitante, prova a scappare con documenti falsi: arrestato

Un uomo salernitano è stato fermato dagli agenti della Squadra Volanti della Questura di Lecco con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia

Tentativo di fuga fermato dalla Squadra Volanti della Questura di Lecco e dal Reparto Prevenzione Crimine Lombardia, che nel pomeriggio di venerdì hanno tratto in arresto Giovanni Pastore, 34enne nativo di Montecorvino Rovella (SA). L'uomo, latitante e pregiudicato, ha provato a sfuggire ai controlli stradali fornendo una serie di documenti falsi, "guadagnandosi" così le attenzioni degli agenti; i controlli incrociati con la Centrale Dati hanno smascherato Pastore, arrestato e portato in carcere.

L'uomo è stato fermato mentre era in sella alla sua moto MBK per un normale controllo stradale: apparso agitato agli agenti, ha fornito una patente contraffatta su cui comparivano dati anagrafici visibilmente alterati; i controlli hanno fatto emergere che l'identità riportata era appartenente a un 32enne milanese, anch'esso pregiudicato per i reati di contraffazione, fabbricazione e uso di documenti falsi.

Vistosi scoperto, Pastore ha confessato il reato ai poliziotti, ammettendo di aver comprato la patente da dei rom milanesi per la somma di cinquecento euro. Le verifiche hanno portato alla luce l'irregolarità anche della carta d'identità in suo possesso; il salernitano aveva ancora 2 anni e 11 mesi da scontare, ma era scappato dalla sua abitazione milanese prima di essere tratto in arresto dai poliziotti.

Arrestato dagli agenti lecchesi, Pastore è stato condotto presso il carcere di Pescarenico. Nella mattinata odierna è stato condannato ad ulteriori due anni di reclusione, che vanno ad aggiungersi alla pena a suo carico ancora da scontare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento