menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le previsioni indicano temporali: i consigli del Soccorso alpino

Il Cnsas richiama tutti i frequentatori delle montagne a un'attenta verifica delle condizioni meteorologiche già nella fase di pianificazione. Le cose da non fare in presenza di fulmini

La morsa del caldo afoso proseguirà almeno sino al prossimo 8 agosto. Nei prossimi giorni sono attesi però temporali di calore, localmente anche di forte intensità, sulla falsariga di quello abbattutosi sul territorio nella serata di mercoledì.

Bomba d'acqua colpisce il Lecchese: allagamenti

Vi proponiamo i consigli del Soccorso Alpino, che richiama tutti i frequentatori delle montagne a un'attenta verifica delle condizioni meteorologiche già nella fase di pianificazione di un’attività all'aperto. Date la precedenza ai siti delle Arpa regionali, più precisi e analitici rispetto ai servizi meteo commerciali. In caso di temporale in montagna, ecco 7 consigli del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico - CNSAS:

- Evita la permanenza su percorsi particolarmente esposti, come creste o vette, evita di stare vicino a guglie e pinnacoli anche di altezza modesta: scendi di quota facendo attenzione al terreno scivoloso.

- Resta lontano da alberi isolati e non cercare riparo dalla pioggia sotto di questi ultimi, specie se d’alto fusto o comunque più elevati della vegetazione circostante. Il bosco fitto offre parziale riparo, ma evita sempre di sostare sotto le piante più alte. 

Fulmine incendia contatore di un'abitazione

- Accovacciati a piedi uniti evitando per quanto possibile il contatto con il suolo: siediti su uno zaino, una corda, del legno o rami secchi. 

- Tieniti alla larga dalle ferrate e dai percorsi di montagna attrezzati con funi e scale metalliche e da altre situazioni analoghe come in genere il materiale alpinistico.

- Trova rifugio in un anfratto di roccia solo se asciutto, al riparo da possibili scariche di sassi, possibili in presenza di fenomeni violenti.

- Evita di avvicinarti o appoggiarti a pareti con percolazione d'acqua.

- Rifugiati se possibile in auto, lontano da ruscelli e torrenti che in pochi minuti possono assumere regime di piena, con porte e finestrini chiusi: è un luogo molto sicuro in caso di fulmini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento