menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le scuole di Lecco contro la corruzione

Rizzolino: "L'iniziativa ha riscosso interesse e motivazioni importanti negli studenti"

In mattinata, si è svolta la giornata conclusiva del progetto "Un percorso alla ricerca della legalità", che - come nel 2015 - ha visto il Comune di Lecco impegnato al fianco di Transparency International Italia per promuovere l'educazione alla legalità nelle scuole. Il progetto ha coinvolto oltre 120 ragazzi, delle scuole secondarie di I° grado: Istituto Nava, Istituto Grossi e Istituto Ponchielli.

Transparency International Italia (www.transparency.it) è la "parte" italiana della principale organizzazione non governativa a livello globale che si occupa di promuovere la trasparenza e combattere la corruzione. La collaborazione con il Comune di Lecco è nata nel 2014 ed è stata - anche quest'anno - rinnovata. L'obiettivo è di avvicinare i ragazzi, sin dalle scuole medie, ai temi dell'etica e della legalità, attraverso un approccio partecipativo e modalità (talvolta anche ludiche), fondamentali per trasmettere concetti complessi.

«Sono contento dell'esito del progetto. – dichiara Salvatore Rizzolino, assessore comunale all'itruzione – L'iniziativa ben condotta da Transparency International Italia anche quest'anno ha riscosso interesse e motivazioni importanti negli studenti. Sono sempre più convinto che l'azione educativa e culturale sistematica nella scuola produca anticorpi potenti contro l'illegalità. Le regole non sono un capestro al collo, ma esaltano la nostra libertà».

Il dottor Michele Luccisano, responsabile della prevenzione della corruzione del Comune di Lecco afferma: «Non vi è medicina più utile a combattere il cancro dell'illegalità, tanto insopportabilmente diffuso in Italia, quanto l'impegno dei più giovani, grazie alla consapevolezza dell'immenso danno che la corruzione procura al loro futuro di cittadini. Essi devono avere fiducia di poterla sconfiggere, continuando a impegnarsi perché il merito sia riconosciuto e apprezzato, a rifiutare le scorciatoie per raggiungere gli obiettivi che si prefiggono, a credere che il migliore aiuto è quello che deriva dalle proprie risorse ed energie, non dalla benevolenza di amici e potenti. Serve soprattutto questo per crescere e progredire nella libertà, camminando ogni giorno a testa alta e con la schiena diritta».

«Ci ha fatto piacere avere l'opportunità di collaborare anche quest'anno con l'amministrazione comunale lecchese - dichiara Chiara Putaturo, responsabile del settore educazione di Transparency International Italia - abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con una giovane generazione di studenti, a cui speriamo di essere riusciti a trasmettere il messaggio che la corruzione è un atteggiamento che inizia a radicarsi nelle persone fin dalla tenera età e nei comportamenti quotidiani più semplici. Se ci comportiamo correttamente e onestamente nei piccoli gesti di tutti i giorni allora possiamo sperare di costruire una società migliore».

Nel corso dell'evento i ragazzi degli istituti hanno presentato i lavori realizzati a conclusione del percorso svolto in classe insieme a Transparency International Italia e ad Andrea Zappalori Manzoni, esperto di legalità informatica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Attualità

Verso il nuovo Dpcm del governo Draghi: ecco cosa cambierà

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento