menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una veduta di Lecco dall'alto

Una veduta di Lecco dall'alto

Tanti auguri Lecco! La città compie centosettant'anni

Il sindaco Brivio: "Siamo un punto di riferimento per i comuni che compongono la Provincia"

Venerdì 22 giugno 2018 Lecco città compie 170 anni.

E’ il caso di dire, una data storica. Un evento che, una volta tanto, non è un termine enfatico ed esagerato. Avremo l’occasione di ripercorrere nel giorno della celebrazione alcuni passaggi di questo ultrasecolare cammino dell’urbe lecchese, dal borgo di manzoniana memoria all’odierna città. "Mi soffermo oggi in poche righe sull’attuale geografia e sull’evoluzione degli assetti urbani che mutano con profonde metamorfosi socio-economiche, ma anche politiche ed istituzionali - ha scritto Virginio Brivio, sindaco della città -. Se ci chiediamo cos’è oggi sotto molteplici profili la città di Lecco non possiamo evitare un breve excursus sulla sua storia. Oggi siamo comune capoluogo, capoluogo di provincia, una connotazione acquisita di recente, dopo che per quasi un secolo e mezzo siamo stati uno, sia pure il più significativo, dei 247 comuni dell’allora provincia di Como. Ciò ha significato, al di là dell’ultimo epilogo istituzionale, che Lecco è diventato il punto di riferimento dei comuni di quella che fu in via transitoria il comprensorio lecchese negli anni ’80. E credo che il ruolo di capoluogo sia una delle sfide dei prossimi anni, anche in relazione alle necessità dei piccoli centri di aggregarsi, non necessariamente di fondersi, per poter corrispondere ad istanze sempre più pregnanti ed articolate".

"Ma Lecco a sua volta è il frutto di un albero ramificato - prosegue -, risultato dell’accorpamento dei rioni/quartieri che da Laorca sino a Chiuso hanno costruito la città nel suo insieme anche attraverso marcate differenze e peculiarità: tant’è che in tempi non lontani nella popolosa Maggianico regnava la Democrazia Cristiana mentre la contigua Pescarenico era connotata con il Rosso deciso. Questo per dire che le Parrocchie e i circoli laici erano autentiche fucine di idee e di personale politico e francamente è uno schema, possiamo dire un’urgenza, che potrebbe tornare utile oggi. E ancora: “Andare a Lecco”, si diceva dai quartieri, e spesso ancora si usa dire, ancor quando non più comuni autonomi, esprime questa dialettica tra le parti e l’insieme della città".

Sull'economia e la collaborazione con le altre realtà circostanti: "Certamente città significa anche sfide di ampio respiro, il rapporto con la metropoli, con le altre città medie a nord della Lombardia, il nostro modo e la nostra funzione all’interno di alleanze in corso tra le categorie economiche e sociali e le CCIAA, in nome delle quali il territorio della collaborazione e del confronto diventa assai più ampio tant’è vero che se la Valtellina ci è sempre stata vicina (si pensi solo alla SS 36) anche Como torna ad essere in un comune abito, certamente più alleato che avversario, a partire dalle comuni sfide sul turismo e le infrastrutture Va da sé che proprio da questo passaggio, dalla dimensione di Lecco che guarda direttamente all’Europa, non va dimenticato che il tessuto connettivo sta in piedi se, guardando avanti e lontano, osserviamo e proviamo a capire quello che si muove sotto i nostri piedi. 170 anni, troppo lunghi per resistenza umana, quale che sia l’elisir. Ma una bella età per una città che non può mostrare crepe e rughe, ma che deve evitare lifting, ritocchi per ritrovarsi nel 2018 ad essere una città all’altezza delle tradizioni, della sua storia imprenditoriale ed operaia, della sua testimonianza antifascista e soprattutto di quel valore perenne che ci permette anche oggi di definire Lecco una comunità. Quel valore si chiama solidarietà".

Le celebrazioni

In occasione delle celebrazioni per i 170 anni dell'elevazione del borgo di Lecco a città, avvenuta il 22 giugno 1848, venerdì 22 giugno, alle Scuderie di Villa Manzoni, a partire dalle 10.30 si terrà un convegno dedicato proprio alla città di Lecco “Lecco - passato, presente e futuro di una città”. Una riflessione storica che prenderà le mosse dalle origini del borgo e, attraversando il presente, arriverà a parlare del futuro della nostra città (interverranno su questo tema il dott. Mauro Rossetto e il sociologo Luciano Fasano).

Durante l’incontro sarà presentato anche il progetto di ristrutturazione del Polo museale a piano terra di Villa Manzoni, finanziato dal Ministero dei Beni Culturali e da Fondazione Cariplo (relatori il Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio, arch. Luca Rinaldi, il funzionario di zona, Arch. Maria Mimmo e il dott. Romani Negri, Presidente della Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus).

Le altre iniziative

Il Lecchese in mostra sulla città con le splendide foto di Mauro Lanfranchi: «Sono soddisfatto» 

E se uno dei tratti distintivi della città di Lecco è da sempre la montagna, ecco che le celebrazioni per i suoi 170 anni da città non possono prescindere da un tributo alle sue cime: giovedì 21 giugno alle 21.30 in Piazza Garibaldi saranno proiettate le immagini de “La Montagna a 360°” mentre dal 21 giugno e fino al 20 agosto lungo le mura del vallo e in Municipio saranno esposti gli scatti fotografici di Mauro Lanfranchi selezionati per “Solstizio Lecchese”.

Chiuderanno le celebrazioni, domenica 24 giugno, i tradizionali momenti di condivisione e intrattenimento inseriti nell’ambito della “Festa del Lago e della montagna”, la processione religiosa in lungo Lario Isonzo in programma a partire dalle 21.30, la benedizione del lago e il conclusivo attesissimo spettacolo pirotecnico.

Cogliamo l’occasione infine per segnalare due eventi di rilevanza civica in due comuni del nostro territorio: si svolgeranno domenica 17 giugno a partire dalle 9.15 le celebrazioni per il conferimento del titolo di Città di Oggiono (trovate a questo collegamento il programma per la cerimonia). Auguri!

Mentre a questo link potete consultare il programma della tre giorni a Varenna dedicata al 70° della Costituzione nell’ambito della quale il Presidente emerito della Corte Costituzionale, prof. Paolo Grossi, parteciperà alla dedicazione della Sala Consiliare del Comune a Giorgio La Pira (lo stesso prof. Grossi domenica 24 visiterà Villa Manzoni).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: aperte le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento