Cronaca

Lecco-Bergamo, lavori ancora fermi: il 28 febbraio l'udienza

Il giudice deciderà se sbloccare il cantiere per consentire gli interventi per migliorare la viabilità della zona e dunque riaffidare l'opera

E' fissata per il 28 febbraio l'udienza relativa allo stato dei lavori della Lecco-Bergamo. Il giudice deciderà se sbloccare il cantiere per consentire gli interventi per migliorare la viabilità della zona e dunque riaffidare l'opera. Al momeno, l'impresa a cui è stato affidato l'appalto è il gruppo Salini Spa. E, martedì 23 gennaio, si è verificato il primo confronto tra la Provincia di Lecco e l'impresa, udienza che ha permesso di fissara la data del prossimo 28 febbraio come utile per decidere le sorti dei lavori. 

Gli avvocati della Provincia, come riportato da LeccoNotizie, hanno chiesto al giudice di "liberare" l'area dei lavori che, al momento, nessun ente pubblico può toccare fino a quando resterà sotto la competenza della Salini. Lo scopo della richiesta è quello di realizzare le opere viabilistiche che il quartiere di Chiuso richiede già da tempo. 

Intanto, non è passata sottotraccia la lettera diffusa dal Comitato di Chiuso sul finire del 2017: il sindaco Virginio Brivio, accusato di totale immobilismo, al pari delle altre istituzioni, ha divulgato quella che è stata la sua risposta al Comitato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco-Bergamo, lavori ancora fermi: il 28 febbraio l'udienza

LeccoToday è in caricamento