menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il "muro" della Lecco-Bergamo

Il "muro" della Lecco-Bergamo

Lecco-Bergamo: "no" dal Governo, si blocca la costruzione della nuova strada

Duro il senatore Arrigoni (Lega Nord): "Venuti meno a una concessione doverosa"

Non proseguirà (o almeno non a breve) la costruzione della nuova Lecco-Bergamo. Il Governo ha infatti risposto "picche" alla richiesta di finanziamento dei 9 milioni necessari per completare il lotto "San Gerolamo". Dura la risposta dell'opposizione, firmata anche dal senatore della Lega Nord Paolo Arrigoni.

La dura nota di Arrigoni sulla Lecco-Bergamo

"La notte scorsa alle 5.00, con la bocciatura dei miei due emendamenti alla legge di bilancio, la maggioranza ha scelto di soffocare ogni speranza per l’indispensabile sviluppo infrastrutturale del nostro territorio. Negando i 9 milioni mancanti sul II lotto S. Gerolamo hanno condannato il cantiere dei lavori a rimanere bloccato ancora per lungo tempo, nonostante Regione Lombardia abbia già stanziato risorse equivalenti per coprire il quadro economico dell’opera! L’indifferenza romana alla riqualificazione della Lecco-Bergamo è stata poi confermata respingendo la richiesta dei 40 milioni necessari a realizzare il III lotto 'Lavello' che insiste interamente sul comune di Calolziocorte, opera anch’essa indispensabile e da lunghi anni autorizzata dal CIPE”

Così interviene Paolo Arrigoni senatore lecchese della Lega Nord.

“Ancora una volta il Governo non ha tenuto conto che la sola provincia di Lecco vanta un residuo fiscale di 1,8 miliardi di euro e che quindi contribuiamo attivamente con le nostre tasse al sostentamento del sistema paese. Garantirci almeno le infrastrutture sarebbe doveroso. Ancora una volta il Pd ha scelto di ignorare il nostro territorio e il nostro sistema economico locale e di non tenere conto che la Lecco-Bergamo è una delle strade più trafficate d'Italia. Purtroppo nonostante le tante imprese e il Pil prodotto, per il Pd meritiamo una viabilità da terzo mondo con strade colabrodo, cavalcavia crollati o interdetti al traffico" conclude l’ex sindaco di Calolziocorte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento