Cronaca Via Salvatore Sassi

Lecco-Bergamo, Simonetti: "Ora i soldi per il Lavello"

Il vicepresidente e assessore provinciale ai Lavori Pubblici ha visitato l'area di via Sassi, dove sta prendendo forma la galleria che permetterà di "saltare" la viabilità ordinaria

Il cantiere della Lecco-Bergamo

Procedono secondo il programma stabilito i lavori per la nuova Lecco-Bergamo, in particolare nella zona di via Sassi a Calolzio, dove nel gennaio 2017 verrà inaugurata la galleria che permetterà ai cittadini di muoversi dalla città al capoluogo manzoniano senza dover utilizzare la viabilità ordinaria di Vercurago e corso Dante Alighieri.

Soddisfatto il vicepresidente provinciale e assessore ai Lavori Pubblici Stefano Simonetti, che tra 10 giorni lascerà la carica: "Stiamo realizzando il tappo di fondo, che misura circa 6 metri e mezzo, per evitare penetrazioni d'acqua all'interno dell'infrastruttura. I consolidamenti proseguiranno fino alla fine dell'anno, visto che ci troviamo nel punto più complesso di tutta l'opera." Martedì 30 settembre Simonetti ha visitato il cantiere in compagnia di Ennio Fumagalli, assessore provinciale, del responsabile dei lavori, l’ing. Angelo Valsecchi, l’assessore comunale di Lecco, Francesca Rota, i sindaci di Calolzio e Vercurago, Cesare Valsecchi e Carlo Greppi, e il capogruppo PD in consiglio comunale a Calolzio, Roberto Monteleone.

"Questo tratto di strada - ha dichiarato l'ing. Valsecchi - riaprirà a novembre, con il conseguente ripristino della viabilità. Il territorio, grazie al cavalcavia di Rivabella e ai lotti di via Sassi e del Lavello, sta risolvendo problemi annosi."
Simonetti, dal canto suo, giovedì mattina andrà a Roma per "Aggiornare il Ministero sullo stato dei lavori e per capire la destinazione dei 15 milioni previsti dallo "Sblocca Italia", che dovrebbero essere usati per Lecco e la variante di Cisano. Capirò se questi 30 milioni saranno destinati su altre annualità."
Soddisfatto anche l'assessore Valsecchi: "In cinque anni abbiamo recuperato i fondi e realizzato i lavori."

Guardando al futuro, Simonetti si è posto l'obiettivo di trovare i 45 milioni necessari per realizzare anche il terzo lotto della Lecco-Bergamo, quello comprendente il tratto del Lavello. "Mi auguro - ha concluso - che i futuri amministratori provinciali non perdano di vista la prosecuzione dei lavori di questa infrastruttura, ma ottenga i finanziamenti necessari e li spenda sul territorio per portare a compimento questo ambizioso progetto."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco-Bergamo, Simonetti: "Ora i soldi per il Lavello"

LeccoToday è in caricamento