menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arriva a Lecco la Carta dei servizi per le disabilità

La mappa delle strutture del territorio che offrono servizi ai disabili

Arriva a Lecco la Carta dei servizi dedicata alle disabilità: il Comune e il consorzio Consolida hanno analizzato e stilato un documento che fotografa i servizi e gli interventi in favore dei cittadini diversamente abili messi in atto sul territorio lecchese.

Oltre alla mappa delle strutture, la Carta illustra anche il funzionamento di ulteriori servizi del territorio comunale messi a disposizione dei cittadini disabili, che interagiscono con la rete delle strutture e comprendono il Servizio di assistenza educativa scolastica, che offre un supporto all'apprendimento e all'educazione in età scolastica, e il Centro di formazione professionale polivalente, che focalizza le attività sulla formazione al termine delle scuole medie e superiori.

La rete dei servizi per la disabilità del Comune di Lecco comprende il Centro diurno disabili “La casa di Stefano” di Lecco, un servizio diurno semiresidenziale riservato alle persone con disabilità gravi e complesse; la Comunità socio-sanitaria “Casa L’Orizzonte” di Lecco, un servizio residenziale che accoglie persone disabili sia in maniera permanente, sia per periodi di tempo limitati, consentendo alle famiglie di provenienza un sollievo temporaneo e costituendo una forma di supporto fondamentale nei confronti dei nuclei famigliari autonomi; i servizi Artimedia, che si articolano in due Centri socio sducativi, rivolti a persone con disabilità di livello medio, presenti sul territorio comunale di Lecco; ci sono inoltre un Centro socio educativo a Casatenovo e un Servizio di formazione all’autonomia a Calolziocorte, gestiti dalla Cooperativa sociale "La vecchia quercia", e il Servizio di formazione all’autonomia “Striscia gialla" di Oggiono, riservato al trattamento e alla cura delle disabilità post-traumatiche.

«Alla base dell’attivazione dei servizi, della messa in atto degli interventi e della programmazione di nuove forme sperimentali di assistenza nell’ambito della disabilità descritti nella Carta dei Servizi – spiega l’assessore alle politiche sociali e di sostegno alla famiglia Ivano Donato - troviamo una rafforzata consapevolezza della centralità della persona, il riconoscimento dei bisogni della famiglia, il suo protagonismo e il rispetto della sua titolarità nell’ambito degli interventi realizzati e condivisi con essa e con la persona stessa e il coinvolgimento delle famiglie all’interno dell’organizzazione della rete, ulteriore principio cardine, a sua volta, del processo di sintesi che lo strumento realizzato intende fornire, consentendo un quadro completo e articolato dell’offerta e garantendo un impegno importante e concreto. Altro elemento fondamentale, alla base dei progetti e dei percorsi sperimentali attivati, volti all’integrazione sociale, allo sviluppo delle autonomie e al sostegno della domiciliarità è il desiderio di costruire una forma di indipendenza, più o meno profonda, nei confronti dei genitori, che fornisca a questi validi elementi di conforto in relazione alla preoccupazione legata al futuro dei loro figli».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento