menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, cittadinanza attiva: c'è un progetto di riqualifica del lavatoio di Belledo

La proposta ad opera di "Femminile Presente" per il recupero di "una piccola memoria storica in stato di forte degrado"

Una nuova proposta di collaborazione fra cittadini attivi e amministrazione è arrivata al Comune di Lecco ad inizio febbraio. La proposta, ad opera di "Femminile Presente!", associazione lecchese, è la riqualificazione del lavatoio di Belledo, in via Fiocchi, "una piccola memoria storica - si legge nel documento ufficiale - attualmente in stato di forte degrado sia nella sua consistenza materica che nel suo utilizzo".

Il progetto "vuole valorizzare questo luogo, storicamente punto di incontro delle lavandaie del rione, e quindi luogo di lavoro ma anche di socializzazione, che potrebbe diventare tappa turistica e luogo per piccoli eventi come recital, letture o concerti".

In dettaglio, il progetto prevede: la sostituzione della copertura, attualmente in carprenteria metallica, con una struttura in legno ed un manto in lastre alternate metalliche multistrato antirombo e in vetroresina. "Si propone - inoltre - di invertire la posizione della raccolta delle acque metoriche dalla muratura di fondo a confine con la proprietà adiacente (che provoca evidenti problemi di infiltrazioni) alla testata verso strada"; mentre, per le murature, da risanare e reintonacare, "viene proposta la decorazione, mediante citazioni, inerenti l'acqua tratta dai Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, con grafica manoscritta, oltre che con immagini storiche o artistiche di lavandaie lecchesi realizzate con tecnica a stencil. La Madonnina sulla parete di fondo viene esaltata da un alone turchese leggero".

Ad accogliere il visitatore ed introdurlo al tema potrebbe essere una scritta a terra, ad esempio "ACQUA È VITA", realizzata con materiale di riciclo. Il muretto in pietra "sarà valorizzato da un manufatto in acciaio corten con la scritta LAVATOIO BELLEDO intagliata al plasma retroilluminata e da una lesena verticale sempre in corten che funzionerebbe da supporto e fondo al punto acqua potabile: un semplice e lineare tubo curvo, in inox satinato, che irrora d'acqua corrente la terra". Le pavimentazioni esistenti in pietra e i lavatoi sono, poi, da pulire e reintegrare, "dove ci fossero delle incoerenze del materiale". Un'illuminazione filante a LED lungo le vasche del lavatoio, lungo le pareti decorate e retrostante la scritta in acciaio, completerebbe l'intervento di valorizzazione anche nelle ore notturne, con possibilità di variazioni cromatiche temporizzate", mentre "un impianto acustico potrebbe riprodurre in certi momenti della giornata rumore di acqua corrente e vociare di donne e bambini, come se lo spirito delle lavandaie e il suono dell'acqua tornassero vivi".

Il progetto, promosso da FEMMINILE PRESENTE, è elaborato da ATELIER2-Milano, con il supporto scientifico del Laboratorio di Recupero Edilizio ed Efficienza Energetica RE3_LAB e il supporto tecnico-operativo di ESPE Lecco.

Per vedere tutto il progetto: clicca qui.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento