menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, crescono le visite ai musei: 20.000 accessi in più nel 2016

Palazzo delle Paure registra il miglior risultato, con un impressionante + 85% rispetto al 2015

27.262 visitatori a Villa Manzoni, 7.108 alla Torre Viscontea, 38.866 a Palazzo delle Paure, 19.044 a Palazzo Belgiojoso. I numeri, questi, che raccontano il 2016 del SiMUL, Sistema Museale Lecchese, che con un totale di 92.280 accessi conclude la stagione delle mostre con un bilancio positivo, pari a 20mila accessi in più rispetto al 2015, «che ripaga le scelte fatte dall'Amministrazione comunale, sempre più intenzionata a puntare anche su una promozione di tipo culturale dei percorsi turistici che la nostra città è in grado di offrire ai visitatori e ai lecchesi», commenta Simona Piazza, assessore alla cultura.

In particolare, è Palazzo delle Paure a far segnare il miglior risultato, con un incremento degli accessi pari all'85% (21.049 unità nel 2015 rispetto alle 38.866 del 2016), con quasi 4mila visite al neonato Osservatorio Alpinistico Lecchese, 24mila circa alle mostre temporanee e poco più di 11mila alle esposizioni permanenti.

A crescere, nonostante i lavori e le restrizioni negli accessi alle sale, le presenze a Villa Manzoni (+4%) e a Palazzo Belgiojoso (+7%), mentre restano stabili i visitatori della Torre Viscontea.

ingressi 2016 musei-2«I numeri complessivi delle visite alle 4 sedi museali del SiMUL crescono di oltre 20.000 unità rispetto al 2015 - rivela Piazza - seppur la valutazione quantitativa non deve essere l'unico metro di verifica della crescita della "voglia di cultura" a Lecco, questa crescita è un dato che non possiamo non considerare positivamente e con entusiasmo».

«L'incremento consistente avuto al Palazzo delle Paure testimonia che la linea di apertura a un numero significativo di mostre piace ai cittadini, mentre anche la crescita lieve registrata a Villa Manzoni e a Palazzo Belgiojoso, nonostante i lavori di restauro e la conseguente chiusura di alcune delle sale, dimostra l'attenzione riservata a queste sedi museali, che restano sotto la lente dell'amministrazione sia dal punto di vista della ricerca fondi per il completamento dei lavori di restauro, sia per la conclusione degli interventi già avviati. Per quanto riguarda la Villa di Alessandro Manzoni inoltre, resta di primaria importanza la sua promozione in chiave "Lecco, città dei Promessi Sposi", che rappresenta una delle nostre fondamentali radici culturali».

«L'introduzione del ticket a pagamento a partire dal 6 settembre scorso non ha determinato un calo nelle presenze - sottolinea Piazza - segno che la strada intrapresa, che prevede comunque molti accessi gratuiti e ridotti, è quella giusta e che la buona cultura rimane di interesse per una collettività in grado di apprezzarne il suo valore».

«Non potevamo raggiungere questi obiettivi, che, voglio ricordare, lo scorso anno hanno visto anche il significativo ampliamento degli orari e dei giorni di apertura, senza un sinergico lavoro di squadra, che necessita tuttavia ancora di essere perfezionato. Penso alla collaborazione instaurata tra la direzione dei musei, gli uffici, gli operatori museali, tutti i custodi, il personale della Cooperativa Due Mani e i volontari dell'AVPL. Ringrazio di cuore tutte le persone che si sono spese con passione e volontà oltre il mero compito esecutivo per lo sviluppo di matrice culturale della nostra città».

visitatori musei mostre simul-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento