Cronaca

Lecco, ospedale Manzoni: monitor tecnologici per il monitoraggio dei neonati

Il sistema consente di controllare tutti i parametri vitali del bambino ed è poco invasivo

Nei prossimi giorni, sarà approntato e predisposto il nuovo sistema di monitoraggio dei piccoli ospiti della Neonatologia dell'ospedale Manzoni. Il sistema - composto da 26 monitor/pc di ultima generazione - sostituisce quello in dotazione dal 2000.

Gli apparecchi saranno così distribuiti: 10 in Terapia Intensiva Neonatale, 12 in Patologia Neonatale, 4 al Nido (questi possono - inoltre - essere trasferiti, in caso di necessità, presso il letto della mamma, in Ostetricia).

Il sistema (che ha comportato un investimento di 330mila euro) si interfaccia con la cartella clinica informatizzata e consente di monitorare tutti i parametri vitali del bambino: la frequenza cardiaca e respiratoria, l'ossigenazione del sangue, la pressione arteriosa, i gas nel sangue e l'attività cerebrale. Inoltre, limita l'invasività del monitoraggio sia per il bambino, che per i genitori.

«Vale la pena ricordare – spiega Roberto Bellù, primario della Pediatria e della Neonatologia – che i genitori dei neonati sono parte integrante dello staff clinico: è fondamentale il loro coinvolgimento attivo, della mamma in particolare ma anche del papà, per facilitare il contatto e il riavvicinamento con il proprio bambino, reso difficile da una gravidanza finita troppo presto».

Il nuovo intervento tecnologico conferma la continuità di cura della Patologia Neonatale e della Terapia Intensiva Neonatale ai più alti livelli di sicurezza.

La Struttura lecchese ha registrato, nel 2015, circa 450 ricoveri; 180 di essi in area intensiva (50 neonati erano di peso molto basso, ovvero sotto i 1500 grammi); quasi il 60% dei piccoli ricoverati proveniva dalla provincia di Lecco; più del 40% da fuori provincia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lecco, ospedale Manzoni: monitor tecnologici per il monitoraggio dei neonati

LeccoToday è in caricamento