Cronaca Via Antonio Ghislanzoni

Pescarenico, le ossa trovate al "Giglio" hanno più di mille anni

Risalgono al VII e VIII secolo dopo Cristo i resti umani rinvenuti durante la ristrutturazione all'ex pizzeria della 'ndrangheta: non sono, come si pensava, vittime della peste del 1600.

Si pensava fossero resti risalenti alla peste del 1600, e invece le ossa ritrovate nel gennaio 2013, durante la ristrutturazione dell'ex pizzeria "Il giglio" di Pescarenico, sono ancora più antiche.

Risalirebbero, infatti, al periodo storico compreso tra il 660 e il 770 dopo Cristo, ben mille anni prima rispetto alla datazione ipotizzata: lo ha stabilito lo studio condotto da Cristina Cattaneo, anatomopatologa milanese, e lo confermano le indagini effettuate dagli archeologi dopo la scoperta delle ossa, che hanno riportato alla luce una porzione di insediamento risalente all'epoca longobarda.

Le ossa ritrovate apparterrebbero a tre persone, due donne e un uomo. La scoperta assume particolare importanza perché, pur non essendo il primo ritovamento di resti umani risalenti a quell'epoca, è la prima volta che in città emergono le tracce di un insediamento.

Nel gennaio dello scorso anno il ritrovamento aveva bloccato i lavori di ristrutturazione all'ex pizzeria della 'ndrangheta: la soprintendenza ha poi disposto che riprendessero, ed entro qualche mese l'ex "Giglio" diventerà un centro diurno per anziani, come disposto dal Comune.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescarenico, le ossa trovate al "Giglio" hanno più di mille anni

LeccoToday è in caricamento