Lecco, Appello per Lecco ricorda il Manzoni "restaurato"

"L'appello è quello di chiedere a tutti il massimo impegno per la nostra città"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Alessandro Manzoni morì il 22 maggio 1873 di meningite, dopo una caduta con trauma cranico all'uscita della Chiesa di San Fedele in Milano, dove adesso, al centro della piazza, è eretta la statua in bronzo a Lui dedicata dallo scultore Francesco Barzaghi e dalla città di Milano.

Pochi giorni fa è stato scoperto, togliendo i teli e le impalcature, il monumento nazionale, che rappresenta Alessandro Manzoni seduto su una poltrona in meditazione nella piazza di Lecco a Lui dedicata e realizzato dallo scultore Francesco Confalonieri e voluto dai cittadini di Lecco sotto la regia di Antonio Stoppani.

Appello per Lecco è orgogliosa di aver partecipato e collaborato anche a questa impresa assieme allo sponsor Bonaldi e agli Amici dei Musei di Lecco.

Dopo i restauri conservativi della statua del patrono di Lecco San Nicolò , dell'esedra e del monumento dedicato a Antonio Stoppani, della statua "decapitata " dell'addio ai monti al Bione, anche questa fatica si conclude con un intervento riuscito e magistrale del maestro restauratore Giacomo Luzzana che ringraziamo di cuore.

Appello per Lecco si augura, anche attraverso il nuovo regolamento approvato recentemente, dal Consiglio Comunale, che favorisce la collaborazione tra Cittadini e Comune che si possa inaugurare un nuovo circolo virtuoso di cittadinanza attiva che si prenda a cuore i beni pubblici della città e non solo promuova interventi rigenerativi e conservativi, ma anche di manutenzione, al fine di non consentire, mai più, che i nostri monumenti possano essere lasciati nel degrado più indecoroso.

Quindi l'appello che facciamo in occasione dell'anniversario della morte del nostro più illustre concittadino è quello di chiedere a tutti il massimo impegno per la nostra città che vuole e deve affrontare la sfida per lo sviluppo e la crescita anche nel settore turistico e culturale.

Da parte nostra, è quasi inutile dirlo, gli amici di Appello per Lecco saranno sempre in prima fila a cercare di conservare i beni che abbiamo ereditato dal passato cercando di amministrare con una visione lungimirante sul futuro della nostra città.

Torna su
LeccoToday è in caricamento