menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La situazione al "Parini"

La situazione al "Parini"

Degrado alla scuola Parini: acqua dai soffitti e manutenzione inesistente

Ancora una situazione disastrosa: acqua che entra dal soffitto, riscaldamenti spenti e della carta igienica nel bagni non vi è nemmeno l'ombra. Dalla provincia: "Tutta colpa del patto di stabilità"

Dopo la "Tommaso Grossi" di via Ghislanzoni, dove la scorsa settimana è crollato un controsoffitto, un'altra scuola lecchese entra nell'occhio del ciclone per le precarie, a dir poco, condizioni strutturali in cui versa. Sul banco degli inputati c'è il "Parini" della vicina via Badoni, dove da tempo si può assistere ad una situazione decisamente poco vantabile.

Parini acqua secchi segatura (3)-2

Le forti pioggie di questo periodo, infatti, penetrano con costanza nel soffitto dell'edificio, motivo per cui, proprio davanti all'entrata, il personale ATA è costretto a mettere dei secchi per contenere, con il "metodo della nonna", le infiltrazioni di acqua. L'acqua, inoltre, entra anche nella zona di una delle due rampe di scale che portano ai piani superiori, rendendo necessaria la stesura di uno strato di segatura e la "chiusura" della zona.

Addentrandosi nelle classi la situazione ambientale non migliora, visto che i riscaldamenti sono sempre spenti nonostante l'irrigidirsi delle temperature e l'arrivo della stagione invernale. Non è casuale, infatti, scorgere gli studenti con addosso giacche e cappotti durante le lezioni stesse, specialmente durante le quattro ore della fascia serale. 

Nei bagni, infine, è permanente la mancanza della carta igienica, problema non irrisolvibile ma comunque fastidioso.

«I progetti di manutenzione esistono, sono già stati approvati e lo Stato ha già disposto lo stanziamento di una quota per contribuire», fanno sapere dalla Provincia, ente nella cui competenza rientra il "Parini" «ma il patto di stabilità blocca i 250mila euro che servono per realizzare gli interventi necessari negli istituti "Parini", "Bertacchi", "Fiocchi" e "Bovara"».
Come detto, nonostante la precedente Giunta provinciale avesse garantito che i fondi per i riscaldamenti ci sarebbero stati sicuramente fino a gennaio 2015, gli studenti del "Parini" sono già al freddo, e l'inverno non è ancora arrivato.

Parini acqua secchi segatura (2)-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento