Cronaca

Amianto nelle scuole, trasferimento forzato in vista?

I lavori alle scuole di Maggianico, San Giovanni e Germanedo sono in ritardo. L'Assessore ai Lavori Pubblici: "Se non si comincia in tempo, a settembre dovremo trasferire temporaneamente gli alunni in altre scuole".

La scuola primaria "Enrico Toti" di Maggianico

"Mancano certificazioni importanti da parte dell'impresa aggiudicante, e i lavori relativi all'eliminazione dell'amianto dai tetti delle scuole subiscono un ritardo". A riferirlo alla Commissione consiliare preposta, l'Assessore ai Lavori Pubblici Francesca Rota: attualmente, nel capoluogo sono coperte con Eternit le scuole primarie "E. Toti" di Maggianico e "A. Diaz" di San Giovanni, e la scuola dell'infanzia "R. Spreafico" di Germanedo.

?"Per la bonifica dell'amianto", ha spiegato l'assessore Rota, "è necessario che i plessi scolastici siano vuoti: per quanto riguarda il Comune non ci sono problemi per il via libera ai lavori, quello che ci preoccupa è che si allunghino i tempi estivi per la mancanza delle certificazioni richieste all'azienda. Se non riusciremo a iniziare i lavori nei prossimi giorni, ci vedremo costretti, alla ripresa dell'anno scolastico, a trasferire gli alunni in altre scuole per dare il tempo di completare i lavori". In tutta la provincia vengono bonificati in media 300mila metri quadrati di amianto l'anno, e dal 2006 allo scorso anno sono stati smaltiti oltre 1.315 chilometri quadrati. Qui, come ovunque, l'amianto è nei tetti e nei sottotetti delle case, delle scuole e degli edifici pubblici, e nei capannoni industriali della Brianza: un fenomeno di cui non esiste una fotografia esatta.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amianto nelle scuole, trasferimento forzato in vista?

LeccoToday è in caricamento