menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Salvatore Rizzolino

Salvatore Rizzolino

Lecco, dimensionamento scolastico: al vaglio la proposta condivisa

«Un traguardo importante per il raggiungimento della verticalizzazione», il commento di Salvatore Rizzolino, assessore all'istruzione

Il riordino del sistema scolastico della città di Lecco giunge a conclusione, dopo mesi di ampia e sentita partecipazione; un processo di analisi, condivisione e decisione, frutto del contributo dei tanti soggetti coinvolti, che si è compiuto in 2 fasi distinte.

Dal 21 aprile al 21 maggio, un primo momento di raccolta dei contributi di riflessione a firma di qualunque soggetto; dal 26 maggio al 30 giugno, un secondo momento nel corso del quale - il provveditore, i dirigenti scolastici, i consigli di istituto, le parti sociali, i comitati di quartiere di Chiuso, Laorca e Bonacina e l'associazione delle scuole dell'infanzia paritarie - hanno analizzato le proposte formulate dall'amministrazione comunale e fatto pervenire contributi di riflessione, che hanno risposto positivamente alla necessità di una riorganizzazione del sistema amministrativo dell'istruzione in città.

Le principali novità della proposta condivisa: la fusione di Lecco 1 e Lecco 2, lo spostamento della scuola primaria Silvio Pellico di Malnago da Lecco 2 a Lecco 3, la esclusione della scuola dell'infanzia e della scuola primaria di Ballabio da Lecco 1 e lo spostamento della scuola primaria de La Nostra Famiglia da Lecco 2 a Lecco 3, per il già avvenuto trasferimento della sede della stessa.

«Si tratta di un traguardo importante per le scuole della città di Lecco: finalmente verranno rimossi gli ostacoli che in questi anni hanno condizionato il raggiungimento di un obiettivo importante come quello della verticalizzazione, che consente alle scuole, fatta salva la libertà di scelta dei genitori, di costruire percorsi di apprendimento coerenti nei diversi gradi di sviluppo del primo ciclo formativo - sottolinea, soddisfatto, Salvatore Rizzolino, assessore all'istruzione - La continuità didattica infatti è un valore fondamentale e consente di costruire un progetto di crescita e sviluppo della personalità del bambino, che pone le basi per un successo formativo completo. Naturalmente, questo dimensionamento non sarà in grado di dare risposta a tutti i problemi della scuola, ma costituisce l'avvio di un importante processo di riordino che ponte l'accento sulla didattica quale elemento centrale e qualificante della scuola stessa e dell'insegnamento».

«Esprimo un ringraziamento sincero - conclude Rizzolino - a tutti coloro i quali hanno voluto partecipare al cambiamento e a questa importante e complessa fase di riflessione che ha segnato, anche attraverso le difficoltà incontrate, un importante momento di crescita dell'intera comunità, verso l'acquisizione di una più matura consapevolezza di appartenenza, che consente un'ottica complessiva orientata al bene della città».

L'atto di indirizzo della Giunta comunale - ora - passerà al vaglio della Commissione consiliare competente e - a seguire - del Consiglio comunale, che delibererà i cambiamenti in vigore dal settembre 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le cinque camminate per boschi e monti più belle nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento