menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lecco, iscrizioni scolastiche: la "mappa" 2017/2018

«Migliore distribuzione degli alunni grazie al nuovo piano di dimensionamento», il commento di Salvatore Rizzolino, assessore

A iscrizioni concluse, Salvatore Rizzolino, assessore all'istruzione, fa il punto sulla situazione sul tema "scuole" a Lecco. Un'analisi che parte dal calo delle iscrizioni nelle scuole dell'infanzia, dove la diminuzione della natalità continua a far sentire i suoi effetti.

«Quello del calo delle iscrizioni nel settore dell'infanzia, sia statale che paritaria - osserve Rizzolino - è un fenomeno già presente da tempo e particolarmente incisivo dall'anno scolastico scorso, in cui sonno entrati nel sistema dell'istruzione i bambini nati nel 2013, che, come ormai sappiamo per i dati dell'anagrafe, segna l'anno di avvio di un forte calo delle nascite. Questo si traduce con la sparizione delle liste d'attesa chilometriche nelle scuole dell'infanzia statale della città, ma, al contrario, ci sono posti disponibili. È importante che questi posti siano occupati, affinché il sistema dell'istruzione dell'infanzia statale non sia costretto a perdere sezioni».

«Per quanto riguarda le primarie, dove il numero di bambini inizia sì a calare ma non in modo "virulento" come nell'infanzia, 346 iscritti rispetto ai 348 dell'anno scolastico scorso e siamo riusciti ad attivare lo stesso numero di classi prime (16), ma senza le problematiche di un anno fa, sia per effetto del nuovo dimensionamento, che per effetto di una migliore distribuzione delle iscrizioni nelle scelte operate dai genitori».

«L'unico problema da evidenziare è quello relativo alla mancata attivazione, per il terzo anno consecutivo, di una classe prima nel plesso della "PIO XI" di Laorca. L'Amministrazione ha dato tutto il suo supporto allo sforzo esemplare del Comitato "Io amo la mia scuola, io amo il mio rione", dei genitori e degli insegnanti di Laorca che hanno svolto un Open day veramente straordinario per entusiasmo ed affetto verso il loro plesso, ma il numero troppo esiguo delle iscrizioni non ha consentito l'attivazione di una nuova classe prima».

«Veniamo infine alla secondaria di primo grado - conclude Rizzolino - dove esprimono un'ottima tenuta tutti e tre i plessi del futuro Istituto comprensivo Lecco 1, riuscendo ad attivare due sezioni in ogni plesso, in quello che si configurerà come l'Istituto dalla geografia più estesa della fascia lago dalle Caviate a Chiuso».

«Un leggero calo, invece alla "A. Stoppani", che passa da otto sezioni a sette. Aumentano le iscrizioni alla "G. Ticozzi" che, pur presentando una capienza per cinque sezioni vedrà, quest'anno, come già in anni passati, l'attivazione di una sesta classe prima. A questo proposito, il Presidente del Consiglio di Istituto della "G. Ticozzi" ha scritto all'Amministrazione per conoscere con esattezza la "capienza" dell'edificio. A tale richiesta, a seguito delle verifiche svolte presso gli uffici tecnici dei lavori pubblici, ho risposto ribadendo il dato già noto, ovvero che l'edificio è omologato per 15 classi, per un totale di 375 alunni (25 per classe), e un totale complessivo, compreso il personale di servizio, di 410 persone. Questa era ed è tuttora la capienza dell'edificio scolastico di via Mentana 48, e si tratta di un dato che esula dalla discrezionalità politica, configurandosi come un dato strettamente tecnico. Tuttavia, nel corso degli anni precedenti, per effetto delle scelte operate dalla scuola, alcuni laboratori sono stati utilizzati come aule per la didattica ordinaria, fino a dare spazio a 18 classi. Allo stato attuale, presso la "Ticozzi", sono infatti presenti 17 classi. A fronte delle richieste pervenute dai docenti e dai genitori, che vogliono vedere esaudito il loro desiderio di iscrivere i figli presso quella scuola, e in ragione della situazione di fatto già in essere, l'Amministrazione ha deciso di chiedere al Provveditore l'attivazione di una sesta classe prima, in compensazione della classe terza in uscita».

«In generale - conclude Rizzolino - le iscrizioni per l'anno scolastico 2017/2018 in città sono state segnate dal passaggio al nuovo dimensionamento scolastico fondato su tre grandi istituti comprensivi, cambiamento che ha retto molto bene all'esordio delle sue prime iscrizioni. Abbiamo dunque la conferma che il nuovo impianto, costruità, con il tempo, le necessarie condizioni per una didattica verticalizzata e per affrontare tutte quelle trasformazioni che si compiranno nel sistema scolastico della città, per effetto dell'inevitabile calo della natalità. Siamo solo all'inizio di questo processo articolato ed è dunque quanto mai opportuno tenere la situazione monitorata».

LA TABELLA RIASSUNTIVA DELLE ISCRIZIONI 2017/2018

iscrizioni scuole 2017 2018 1-2

iscrizioni scuole 2017 2018 2-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazione anti-covid, da giovedì possono prenotarsi 22mila lecchesi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Le Regioni non mollano Draghi: «Ristoranti aperti e coprifuoco alle 23»

  • Notizie

    Bellano: entro il 2024 il passaggio a livello sarà un ricordo

  • Attualità

    «Pullman gratis un cambio di passo concreto verso una mobilità più leggera»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento